Palestre e piscine, approvato l’ordine del giorno per chiedere la riapertura. Lega in aula coi cartelli #nocoprifuoco

Il documento, votato all’unanimità in consiglio regionale, è stato presentato da Fratelli d’Italia e impegna la giunta ad attivarsi presso il Governo affinché venga presa in considerazione la possibilità di prevedere nelle zone gialle la riapertura di palestre, piscine e di tutti gli impianti sportivi all’aperto e al chiuso, con la ripresa di tutte le attività, lezioni ed allenamenti, individuali e di contatto, naturalmente nel pieno rispetto dei protocolli di sicurezza

Nel documento si ricorda che la lunga e forzata chiusura, decisa dal governo per arginare la diffusione del Covid, ha avuto pesanti ricadute economiche su centri sportivi e società sportive mettendo in ginocchio le attività che ruotano attorno al mondo del fitness e delle palestre, peraltro già penalizzate dalle restrizioni imposte dal primo lockdown della primavera scorsa. 

I consiglieri regionali della Lega hanno esposto in aula i cartelli #nocoprifuoco. «Imporre restrizioni, mantenendolo alle 22, non consentendo neanche di prolungarne l’inizio almeno alle 23 e vietando la riapertura dei locali al chiuso in piena sicurezza nelle aree di criticità gialla, è illogico e non supportato da evidenze scientifiche – recita una nota del gruppo -. Non si possono più subire le imposizioni del ministro della Salute Roberto Speranza, autore di un penoso e dannoso dispetto agli italiani e ai liguri, che hanno diritto alla normalità nei territori in cui i dati sull’emergenza coronavirus lo consentono rispettando tutte le norme sanitarie del caso. In tal senso, stamane abbiamo votato a favore dell’ordine del giorno sulla possibilità di riaprire anche palestre e impianti sportivi nelle aree gialle e quindi in Liguria».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: