Maltrattamenti agli anziani in Rsa, 3 donne arrestate della Guardia di Finanza – VIDEO

Gli ospiti della casa di riposo venivano maltrattati, insultati strattonati e in qualche caso anche presi a sberle, minacciati di essere lasciati senza cibo, legati al letto o malmenati se avessero disturbato. Le tre operatrici non rispondevano alle richieste di aiuto degli anziani accanendosi su di loro nonostante grida di dolore, pianti e implorazioni delle vittime

Tre dipendenti della casa di riposo “La Villa” di Varazze in custodia cautelare decisa dal Gip del Tribunale di Savona a seguito delle indagini delle Fiamme Gialle coordinata dal pm Chiara Venturi. Si tratta di 3 donne di 48, 58 e 64 anni.

Dall’attività investigativa svolta dalla Guardia di Finanza di Savona, sono emersi bruschi strattonamenti dei pazienti durante le operazioni di pulizia personale e cambio degli abiti, fino ad arrivare a veri e propri schiaffi, accompagnati da insulti, minacce e imprecazioni proferiti dalle tre operatrici, cui corrispondono grida di dolore, pianti e implorazioni delle vittime. Molto spesso, durante l’orario di lavoro, gli anziani pazienti erano lasciati incustoditi, senza che venissero soddisfatte le loro reiterate richieste di assistenza, attivate dagli ospiti anche attraverso i campanelli posti nelle vicinanze dei letti. Gli inermi anziani venivano anche minacciati di essere lasciati senza i pasti, fino al rischio di essere legati al letto e percossi, solo per aver “disturbato” le operatrici con le loro richieste di assistenza, peraltro più che legittime e pienamente rientranti nei doveri lavorativi delle tre arrestate. Le condotte contestate alle arrestate sono di assoluta gravità e durezza, prive dei più elementari sentimenti di umana compassione. Comportamenti per i quali l’Autorità Giudiziaria ha contestato altresì l’aggravante dell’abuso di prestazione d’opera e della minorata difesa delle vittime, molte delle quali non autonome a causa delle infermità che le affliggono. Contestualmente all’esecuzione delle misure cautelari, oltre ai locali della R.S.A., sono in corso, altresì, le perquisizioni delle abitazioni in Genova, Varazze e Savona delle tre operatrici, per ricercare ulteriori elementi di prova ed acquisire le cartelle cliniche di alcuni ospiti della struttura, anche in previsione di possibili ulteriori sviluppi investigativi.

<L’attività svolta – dicono le Fiamme Gialle – testimonia, ancora una volta, il forte impegno degli uomini del Comando Provinciale di Savona a difesa delle fasce più deboli della società, soprattutto in un periodo come quello attuale, in cui l’emergenza epidemiologica ha spesso posto in evidenza la necessità di tutelare e salvaguardare coloro che non sono in grado di provvedere autonomamente a sé stessi>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: