Personale sanitario che non si vaccina, la Uil: “Da eroi della prima ora a infami, noi non ci stiamo!”

Piano e Benvenuto Uil Fpl: “Il soggetto pubblico faccia chiarezza: più informazione contro la sfiducia, più comprensione per coloro che non possono ancora fare il vaccino o esitano. La coesione sociale non può venir meno in questo momento storico così delicato>

<In questi giorni stiamo assistendo anche sul territorio a spiacevoli polemiche rispetto agli operatori della sanità che – al momento – non intendono o non possono vaccinarsi contro SARS-CoV-2 – dicono Luigina Piano, responsabile regionale terzo settore e sanità privata Uil Fpl Genova e Liguria e Carlo Benvenuto, segretario generale Uil Fpl Genova e Liguria -. Il clima sociale si surriscalda anche sul fronte di legittime scelte che non attingono dal campo negazionista ma da aspetti clinici personali o organizzativi. Parliamo di lavoratrici e lavoratori che devono confrontarsi con accuse gravi scagliate a forte velocità all’interno di piazze social, con toni decisamente esasperati. In un attimo, una parte dell’opinione pubblica ha trasformato gli eroi della prima ora in infami da linciare. Ecco, è proprio qui che deve intervenire il soggetto pubblico affinché la ferocia da tastiera non trasformi il vaccino in un campo di battaglia molto più ampio. Purtroppo il quadro giuridico non è ancora chiaro ma la tutela degli operatori socio sanitari è compito della Uil Fpl, che intende esercitare il suo consueto ruolo nel perimetro della legge: a farne le spese non può essere un’intera categoria, bisogna colmare le lacune organizzative e legislative. Anche sul territorio le polemiche avanzano, nelle ultime ore è toccata alla struttura “La Doria”, Asp Brignole di Genova. Come rappresentanti dichiariamo il nostro impegno affinché la vaccinazione possa svolgersi nel modo migliore e con la più alta partecipazione possibile. Come già dichiarato a livello nazionale, da questa pandemia si uscirà soltanto affidandosi alla scienza e alle sue evidenze, esercitando fino in fondo il proprio ruolo nel rispetto prima di tutto dell’etica professionale di ognuno. Impegno, senso del dovere e della responsabilità che va di pari passo con il soggetto pubblico che dovrà intensificare gli sforzi per informare e sensibilizzare coloro i quali dovessero nutrire dubbi o contrarietà, superando le lacune che si registrano, eliminando qualsiasi sacca di sfiducia che derivi da ideologiche e irricevibili posizioni negazioniste. D’altra parte chi ha ricevuto una valutazione clinica sfavorevole al vaccino, non va demonizzato né sottoposto al pubblico ludibrio, anzi: va rassicurato insieme al resto della cittadinanza in un’ottica di coesione sociale e responsabilità>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: