Bassa Val Bisagno, Ferrante denuncia corse abusive e chiede controlli

Il presidente del Municipio, a seguito dell’incidente di piazza Pedegoli, scrive al Comune e alla Polizia locale. <Servono dossi rallentatori della velocità>

<A seguito del tragico evento accaduto a Quezzi, che solo per miracolo non ha causato lutti, vi informo che per il Municipio Bassa Val Bisagno non è la prima volta che da parte dei cittadini residenti si sente parlare di gare notturne nelle strade collinari, soprattutto in zona Quezzi, via Robino, viale Bracelli e via Loria, che per la loro conformazione, con curve a gomito e rettilinei, si prestano particolarmente a tali illeciti – scrive Ferrante -. Chiedo maggiori controlli serali nelle aree collinari del Municipio Bassa Val Bisagno dal momento che, a seguito delle varie emergenze che si sono susseguite nella nostra città (crollo del ponte Morandi, sicurezza in centro storico e Sampierdarena, zone rosse), sono andati sempre più scemando>.
Il Presidente chiede anche l’installazione di dossi rallentatori della velocità e, se permesso dal Codice della Strada, il posizionamento di “semafori dissuasori”.
<Infine, vista la configurazione orografica delle suddette collinari, chiedo la possibilità di trasformazione delle stesse in “zona 30” (km/h n.d.r.) – aggiunge Ferrante. Oltre alle richieste sopra esposte, occorre, comunque, un maggior controllo serale/notturno, soprattutto nella fascia oraria 20.30-24 del fine settimana atto a scongiurare questi comportamenti diventati ormai una costante>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: