Pieve, rivolta contro la chiusura della filiale Carige

A capo della protesta, il sindaco Adolfo Olcese che proverà a convincere l’istituto a rivedere la propria decisione e, se così non fosse, minaccia di rivolgersi alla concorrenza

La filiale della Banca Carige di Pieve Ligure chiuderà il prossimo 23 novembre. La succursale della banca genovese è storicamente insediata in piazza Ferdinando d’Amato, in un immobile ristrutturato proprio per ospitare un ufficio di questo tipo. <I cittadini pievesi hanno sempre dimostrato affetto per la Banca Carige e, anche durante i tempi bui che la stessa ha passato, non hanno mai fatto venire meno la loro vicinanza> recita una nota del Comune.

<Stamattina, intorno alle 8:30, ho risposto alla telefonata di un numero che non conoscevo – dichiara il sindaco Adolfo Olcese – e ho appreso da un rappresentante di Carige che la filiale di Pieve sarebbe stata chiusa a partire dal 23 novembre. Devo dire che la notizia, proprio in quanto apparsa prima sui giornali, assomiglia molto a una lettera di licenziamento inviata di venerdì. L’Amministrazione farà tutto il possibile affinché Carige riveda la sua decisione, fatto che appare però piuttosto difficile in quanto l’intervento di chiusura è parte di piano di ristrutturazione molto più ampio: in caso la decisione sia confermata, cercheremo comunque di trovare alternative utili per i cittadini e per il nostro territorio>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: