I cittadini di Lungomare Canepa incontrano Bucci per portare il loro progetto

Si apre il dialogo tra l’Amministrazione e il Comitato. Al centro le misure da attuare per limitare i problemi che la strada a 6 corsie ha portato nella delegazione, primo tra tutti quello acustico

Si è tenuto l’incontro tra il Comitato Lungomare Canepa da una parte e il sindaco Marco Bucci e gli assessori Pietro Piciocchi e Matteo Campora dall’altra

<Il Comitato ed i professionisti che lo affiancano hanno illustrato i problemi vissuti dagli abitanti della zona e le fattive soluzioni tecniche per risolverli. In particolare è stato dato ampio spazio alla descrizione del progetto dell’architetto Fiorenza Punta vincitrice del concorso indetto dal nostro Comitato, il quale ambisce ad una riqualificazione vasta del territorio nonché qualitativamente apprezzabile – spiega la presidente Silvia Giardella -. Da parte sua il Sindaco si è dimostrato interessato alle proposte, ravvisando la centralità della criticità acustica. I dettagli tecnici ed economici, dell’auspicabile intervento, saranno approfonditi insieme entro alcune settimane in un tavolo tecnico dedicato. È nostro auspicio che l’Amministrazione voglia integrare la tutela acustica con la rigenerazione di un territorio, quello di Sampierdarena, che nel recente lockdown ha dimostrato di essere profondamente inadeguato al benessere degli abitanti. Il pressoché totale asservimento del territorio alle molteplici funzioni viabili, di parcheggio, commerciali e portuali lo rende di fatto inospitale agli abitanti privandoli di qualunque possibilità ricreativa, tanto più a causa della decadenza ed incoerenza delle scarse aree pubbliche. Il progetto di Fiorenza Punta sarebbe una rivoluzione copernicana per un territorio che da quasi un secolo assicura fondamentale fonte di ricchezza alla città.Sono intervenuti anche l’ingegner Giovanni Brero in qualità di esperto in acustica, l’avvocato Alessandra Costa in rappresentanza degli abitanti e dei loro diritti ed infine sono state consegnate al sindaco Marco Bucci le tavole progettuali della seconda classificata la designer Loredana Villanacci e dell’ingegner architetto Iacopo Gibelli. Il sindaco ha apprezzato le soluzioni prospettate ritenendo di poterle includere nel novero delle possibili soluzioni. Il Sindaco inoltre ha escluso che l’assetto a sei corsie possa subire variazioni, confermando che questa viabilità è autonoma rispetto al viadotto Genova San Giorgio ed assumerà una centralità via via crescente con il prossimo ampliamento del porto e con il potenziamento dei traffici portuali e croceristici. Adopereremo le prossime settimane per dettagliare la nostra proposta progettuale e presentarla nuovamente al Sindaco>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: