23.748 nuclei famigliari genovesi hanno chiesto il buono spesa

Si sono concluse alla mezzanotte di ieri le procedure per presentare la domanda e nelle prossime ore il sistema elaborerà i dati, cancellando le domande incomplete o errate e conteggiando il totale dei buoni richiesti, visto che ogni domanda poteva contenere la richiesta di un buono per ciascun membro della famiglia

Sono 23.748 le domande ricevute dal Comune di Genova per i buoni spesa alimentari da 100 euro riservati a chi è in difficoltà economica per colpa del coronavirus

Si stima pertanto che l’attuale disponibilità dei buoni, sulla base dei 3 milioni di euro assegnati dal Governo a Genova, sia al di sotto della richiesta ricevuta.

Il sistema informatico stilerà ora una graduatoria, sulla base dei requisiti indicati sul sito del Comune, e poi potrà partire la distribuzione nelle 24 sedi individuate su tutto il territorio cittadino. Ricordiamo che è vietato creare assembramenti: ciascun beneficiario riceverà un appuntamento, a scaglioni di mezz’ora, e dovrà presentarsi puntuale.

Tutti riceveranno una comunicazione sull’esito della propria pratica. Restano attivi, fino alla fine della procedura di consegna, l’assistenza telefonica attraverso due numeri: il numero fisso 010.5574500 e il numero verde 800.583940. Ai centralini rispondono i dipendenti comunali e i volontari delle associazioni del terzo settore e del privato sociale.

Al più presto, il Comune renderà nota la data di inizio della distribuzione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: