Falso allarme: a Marassi nessun malato Covid, ma la paura del contagio resta

carcere di marassi

Pagani (UilPa Polizia Penitenziaria): <Abbiamo temuto il peggio. Detenuto con segni di polmonite, ma tampone negativo>. L’obiettivo è quello di evitare in tutti i modi possibili che il virus varchi la soglia del carcere

Nessun detenuto fino a questo momento risulta positivo al Covid19 all’interno del carcere di Marassi. A darne notizia è il segretario Uilpa Polizia penitenziaria Fabio Pagani che commenta così: <Non possiamo permetterci focolai – dice -. La Polizia penitenziaria sta cercando di prevenire per garantire la sicurezza dell’istituto di pena, così come il rischio di possibili rivolte che sarebbero facili da alimentare. All’interno del carcere di Marassi nessun detenuto risulta essere positivo al Covid19. Nei giorni scorsi abbiamo temuto il peggio quando, dopo un radiografia, un detenuto ha riportato evidenti segni di polmonite. Ricoverato al pronto soccorso del San Martino, al tampone è risultato negavo. Un altro detenuto ricoverato nello stesso ospedale e risultato dopo tre tamponi positivo al coronavirus, è uscito dal Carcere di Marassi il 12 febbraio e non c’è, quindi, pericolo che abbia contagiato altri detenuti perché sono passati ben di più dei 14 giorni previsti per incubazione e contagio>.
La paura che l’epidemia possa fare ingresso nella casa circondariale, però, resta forte.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: