Coronavirus: “Applicheremo il modello Genova, deve diventare il modello Italia”

Il presidente del Consiglio illustra la pausa didattica fino al 15 marzo e lo stop alle manifestazioni sportive e spiega perché misure così drastiche non devono spaventare: <La Sanità di alcun paese al mondo reggerebbe la quantità di persone che necessitano di cure intensive e sub intensive>
Toti: <Occorrono sospensione delle tasse alle imprese perché possano pagare gli stipendi, cassa integrazione per tutti i lavoratori coinvolti, aiuto alle famiglie che devono tenere i figli a casa da scuola. Ho chiesto che i fondi arrivino anche nella nostra Liguria>

<Il modello Genova ci insegna che quando il nostro Paese viene colpito sa alzarsi, sa fare squadra, sa tornare più forte di prima – ha detto Conte nel videomessagio -. Lo applicheremo ovunque sia possibile. Il modello Genova deve diventare il modello Italia e usciremo insieme da questa situazione, da questa emergenza. Sapremo superare questa difficoltà, affermarci in tutto il nostro valore>.

<Il presidente Conte sta per firmare un nuovo decreto illustrato oggi alle regioni – ha detto il presidente della Regione Giovanni Toti all’uscita della riunione con il consiglio dei ministri e il presidente Conte -. Ci sarà la sospensione dell’attività didattica fino al 15 di marzo. Ci conforta avere fatto la scelta giusta prolungando la misura prudenziale di contenimento delle infezioni fino alla fine di questa settimana. Saranno sospese le manifestazioni sportive con il pubblico e chiusi cinema e teatri. Musei e ristoranti restano aperti, ma ci saranno misure di prevenzione per evitare gli assembramenti>.
<Occorre che la cassa in deroga venga autorizzata fin da subito per mense scolastiche, cooperative sociali, insegnanti di sostegno – ha detto Toti -. Poi servono aiuti alle categorie, sospensione dei pagamenti per le imprese perché possano pagare i dipendenti. Bisogna sospendere le scadenze fiscali e i mutui. Si è parlato di una cifra di 3 miliardi e 600 milioni di euro per l’emergenza. Abbiamo chiesto riguardi tutto il paese, compresa la nostra Liguria>.
<Serve subito per liquidità per le imprese – ha proseguito il presidente della Regione – perché possano pagare salari e stipendi e restare in vita. Per questo serve la sospensione di mutui e tasse. Serve la cassa integrazione per tutti i lavoratori, della scuola e anche del settore degli spettacoli. Serve aiuto alle famiglie che dovranno gestire i figli che non andranno a scuola per le prossime settimane. L’idea del Governo è quella di muoversi nell’ambito dei congedi parentali>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: