Annunci
Ultime notizie di cronaca

Case e conto in banca pesante, ma ex imprenditore di Albaro scroccava la pensione sociale

Nei guai altre 12 persone, pizzicate dai carabinieri in collaborazione con l’Inps

A ricevere la pensione sociale anche un ex imprenditore di Albaro, con diverse case di proprietà, investimenti in fondi bancari e un conto in banca tutt’altro che magro. È uno dei 13 denunciati dai carabinieri a seguito dell’inchiesta portata avanti dall’arma a seguito della segnalazione dell’Inps che ha fornito una lista genovese di 5 mila sospettati sui 7 mila che percepiscono la “minima”. I 13 pizzicati dagli investigatori dell’Arma potrebbero essere solo i primi di una lunga serie. Quattro sono stranieri e degli Italiani alcuni abitano all’estero, in paesi comunitari (Francia e Spagna) o al di fuori della Comunità europea (Cile e Argentina). La residenza in Italia è tra i requisiti necessari per ottenete “la minima”, ma di queste persone non c’era traccia nel nostro paese: nessuna visita dal medico di famiglia, nessuna richiesta di analisi o approfondimenti medici richiesti, ma non perché, nonostante l’età, avessero una salute di ferro. Gli altri requisiti sono: avere più di 66 anni e 7 mesi e denunciare un reddito annuale inferiore ai 5.889 euro (11.778 per i coniugati). Tra gli indagati anche due coppie. Le indagini nei prossimi mesi riguarderanno anche il reddito di cittadinanza.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: