Ponte Morandi, i periti: “Difetti di costruzione e mancanza di manutenzione”

Nei resti del Ponte Morandi i tre periti del giudice per le indagini preliminari Angela Nutini hanno trovato <Difetti esecutivi>, cioè difformità rispetto al progetto, ma anche fenomeni di corrosione per la <mancanza di interventi di manutenzione significativi>.

Il lavoro dei periti ha previsto indagini sui pezzi del ponte crollato, sulle pile rimaste in piedi e sul moncone della pila 9, quella crollata con gli stralli e i pezzi di impalcato più vicini. Di particolare interesse il risultato delle indagini tecniche sul reperto 132, cioè sull’ancoraggio dei tiranti sulle sommità delle antenne del lato Sud, coincidenti col punto che nel video si vede cedere per primo.

Secondo i periti i trefoli sono <uno stato corrosivo di tipo generalizzato di lungo periodo, dovuto alla presenza di umidità di acqua e contemporanea presenza di elementi aggressivi come solfuri e cloruri>. 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: