Cronaca 

Ricerche in mare nella notte per 18enne disperso, ma lui torna a casa da solo alle 5

Secondo un amico si sarebbe immerso a Priaruggia. Un canoista ha detto di aver sentito anche grida d’aiuto. Mobilitate capitaneria (anche con un aereo), polizia, vigili del fuoco coi sommozzatori e Croce Gialla

Mobilitazione generale, stanotte, (27 giugno) dalle 2:45, per un ragazzo che sarebbe stato disperso in mare. Un suo coetaneo, un diciottenne, ha dato l’allarme. Ha fermato dei poliziotti che stavano effettuando controlli a Boccadasse dicendo che un suo amico ci sarebbe tuffato in mare con il solo abbigliamento intimo per effettuare a nuoto il tratto Priaruggia e il Borgo e e che però non si sarebbe poi presentato all’appuntamento proprio a Boccadasse. In mare sono subito cominciate le ricerche con un gommone e una motovedetta della capitaneria di porto che ha allertato anche l’elicottero del comando aeromobili di Sarzana che si è alzato in volo per dirigersi nell’area della ricerca giungendo sul litorale genovese alle 4:50. Ha partecipato alle ricerche anche un’unità navale dei vigili del fuoco con sommozzatori a bordo.

Foto di Petter Vicente Bucheli Oleas

Un canoista ha dichiarato di aver sentito voci chiedere aiuto che provenivano dal mare proprio a Priauggia. A terra le auto della polizia, un’ambulanza della Croce Gialla e un’auto medica del 118. Alle 5 il presunto disperso è tornato a casa e la madre ha telefonato ai soccorritori spiegando che era incolume. Le ricerche sono comunque continuate in zona fino alle 5:45 per fugare il dubbio che ci fosse un’altra persona in mare.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: