Annunci
Ultime notizie di cronaca

Al Ducale la premiazione degli studenti genovesi vincitori del premio “Luisa Massimo”

Iniziativa dell’associazione Ande. I temi sono stati cura del territorio e rispetto dell’ambiente. Saranno premiati ragazzi dei licei e istituti genovesi Doria, Mazzini, Vittorio Emanuele, Montale, Benedetto Marsano

Domani, giovedì 16 maggio, con inizio alle 9,30, nella sala di Storia Patria, atrio Palazzo Ducale, a Genova, avrà luogo la premiazione delle classi dei licei e istituti genovesi Doria, Mazzini, Vittorio Emanuele, Montale, Benedetto Marsano che hanno partecipato al concorso “Luisa Massimo”, promosso dall’associazione culturale Ande, Associazione nazionale donne elettrici, sezione Genova, sul tema  del territorio e rispetto dell’ambiente in chiave europea. Parteciperà il dirigente scolastico Alessandro Clavarino.

Al concorso, suddiviso in diverse sezioni e che aveva come tema la cura del territorio e il rispetto dell’ambiente, hanno partecipato oltre 120 studenti, autori di  elaborati scritti, fotografie, disegni, poster, video, power point. I lavori presentati affrontano problematiche ambientali  locali ed europee, dall’energia al degrado urbano di alcune zone di Genova. A Palazzo Ducale sarà presente l’assessore all’Ambiente del Comune di Genova Matteo Campora.

Il premio è dedicato alla memoria della scomparsa professoressa Luisa Massimo, Maestra di Pediatria, Medaglia d’Oro della Repubblica Italiana per la Medicina, creatrice dell’Emato-Oncologia pediatrica, innovatrice nella formazione infermieristica e nei servizi di caring a supporto delle famiglie.

L’associazione Ande, unica associazione di questo genere in Europa, fu fondata nel 1946 a Roma da Carla Orlando Garabelli che aveva conosciuto da vicino, negli Stati Uniti, la “League of Women Voters”. Il fine di Carla Orlando e del gruppo di donne di diversa formazione politica che le si affiancarono fu quello di “acquisire e far acquisire maggiore coscienza politica” (dal primo articolo dello Statuto) agli elettori e soprattutto alle elettrici che ottennero, proprio nel 1946, il diritto di voto.
Oggi le associazioni aderenti, sparse in tutta Italia da Trieste a Marsala, continuano l’impegno di sempre a favore della partecipazione al voto, favoriscono il dialogo con le forze politiche e si dedicano alla riflessione ed alla formazione sui temi grandi e piccoli legati alla qualità della vita ed alla giustizia sociale per una valorizzazione della persona in un contesto di civile convivenza. Particolare attenzione è dedicata al problema delle pari opportunità tra donna e uomo in una realtà in rapidissima, sostanziale trasformazione.
L’Ande è una associazione-organizzazione politica ed apartitica, che vanta 60 anni d’impegno civile (nasce nel 1946), di storia e di battaglie per l’elettorato.

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: