Annunci
Ultime notizie di cronaca

Decreto Sicurezza, Agesci: “Inaccettabile lasciare per settimane su una nave in mezzo al mare uomini, donne e bambini”

Anche il comitato nazionale degli scout cattolici si schiera contro il decreto sicurezza, dopo che da molti gruppi regionali e locali (quelli della Sicilia, del Piemonte, di Milano) avevano preso posizione e che da tutta Italia era arrivata la richiesta di prendere una posizione chiara. L’appello era arrivato anche da Genova, dove il capo scout Lorenzo Romanengo aveva detto: <La fallimentare esperienza di “civismo” della route nazionale del 2014, la famosa “Carta del Coraggio” a cui nessuno ha dato seguito e vita, ha dimostrato una volta per tutte che siamo bravissimi a parlare al nostro interno, ma estremamente deboli e impauriti quando si tratta di prendere posizioni vere e forti nella società in cui viviamo. Quando si discuteva di unioni civili omosessuali abbiamo scelto di non scegliere. Eppure siamo parte di quella Chiesa, che, come la società intorno a noi, può e deve cambiare al suo interno.  Oggi che si discute del Decreto Sicurezza e migranti solo qualche comunità locale ha dichiarato la sua contrarietà, Agesci è zitta. Per non parlare di tagli alla scuola, cultura, lotta alla mafia, neofascismo. Se non sappiamo fare scelte veramente coraggiose e concrete allora torniamo a fare gli uomini dei boschi nei boschi>.

Oggi, finalmente, Agesci nazionale ha preso posizione ufficiale. <Sono contento, era doverosa – commenta Romanengo -. Ma una dichiarazione non basta. Bisogna agire con coraggio e dare un segnale non solo al nostro interno. Durante il fascismo, quando lo scoutismo era proibito, un gruppo di scout, le Aquile Randagie, disobbedendo civilmente alla legge, continuò a portare avanti le sue idee e i suoi ideali. Così oggi anche noi dobbiamo continuare ad accogliere sempre e comunque i nostri fratelli>.

Ecco la dichiarazione dell’Agesci nazionale.

L’AGESCI sempre in difesa dei diritti umani
Il rispetto della dignità di ogni essere umano è la premessa indispensabile per ogni convivenza realmente pacifica, e il diritto costituisce lo strumento essenziale per il conseguimento della giustizia sociale e per alimentare vincoli fraterni tra i popoli. (Papa Francesco)
Sentiamo nostre le parole di Papa Francesco e ribadiamo l’impegno della nostra Associazione nel “costruire ponti e non muri“, attraverso la quotidiana azione educativa, guidata dai valori cristiani e dai principi dello scautismo. Con il costante servizio nei nostri territori, ci adoperiamo per la tutela dei diritti umani, in particolare dei soggetti più deboli e per favorire l’accoglienza. Crediamo che non sia accettabile lasciare per settimane, su una nave in mezzo al mare uomini, donne e bambini. Allo stesso tempo ribadiamo che qualunque manifestazione di dissenso debba inserirsi in una cornice di legalità e osservanza delle regole democratiche.
Come scout abbiamo il dovere di ascoltare chi cerca il nostro aiuto, restare saldi nei nostri principi nell’educazione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi e metterci con umiltà al servizio degli ultimi.
Barbara Battilana e Vincenzo Piccolo
Presidenti del Comitato nazionale AGESCI

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: