Annunci
Ultime notizie di cronaca

Il Natale dei Vvf: 12 ore di lavoro, nessun aumento di stipendio e il rischio che non arrivino rinforzi

Luca Infantino, segretario della Fp Cgil dei vigili del fuoco, oggi era in turno. Unica concessione alla festa: il taglio del panettone. L’amarezza per la legge di bilancio che nega aumenti di stipendio agli eroi del ponte Morandi che a Genova, a una settimana dalla fine dell’anno, hanno già accumulato 300 interventi in più rispetto a quelli previsti

<Ancora una volta il governo si dimentica dei Vigili del Fuoco. Una legge di bilancio, quella del 2019, che oltre a non intervenire in  alcun modo sull’aumento stipendiale del personale produce tagli sulle pensioni. Considerando inoltre che nel testo non c’è nessuna risposta sulla pensione integrativa e sull’assicurazione Inail riteniamo inaccettabile come questo governo abbia liquidato il Corpo più amato dagli italiani. Tanta propaganda sulle spalle delle donne e degli uomini del soccorso>. Questo il commento dei vigili del fuoco alla Manovra e a scriverlo, sulla pagina della Fp Cgil ha contribuito anche il segretario ligure Luca Infantino, che è membro della segreteria nazionale.
<Aspettiamo anche di capire se il blocco delle assunzioni nel pubblico impiego riguarda anche i vigili del fuoco> dice Infantino. Il ministro dell’interno Matteo Salvini proprio a Genova aveva parlato di 1500 assunzioni entro l’anno. Poi, qualche giorno dopo, aveva corretto il tiro dicendo che quelle assunzioni sarebbero state effettuate tra il 2019 e il 2020. <Dovevano arrivare 31 nuove unità – dice il segretario del vigili del fuoco Cgil -. Dovevano servire anche per aprire la nuova sede del levante cittadino. Per ora, però, arriveranno solo 12 persone, di cui 8 dal corso alla Capannelle e 4 da mobilità nazionale. È inutile dare il reddito di cittadinanza per poi bloccare le assunzioni che sono posti di lavoro>.
Oggi, giorno di Natale, Infantino era di turno, dalle 8 all 20: 12 ore. Lui è di stanza alla caserma centrale di San Benigno, ma il turno lo ha fatto nel distaccamento di Multedo. <I carichi di lavoro, a causa della carenza di personale, sono pesantissimi – dice -. Quest’anno abbiamo già superato di 3mila interventi le previsioni>. I vigili del fuoco sono stati impegnati per l’emergenza di Ponte Morandi, poi per la gestione dei problemi successivi, dall’installazione dei sensori all’accompagnamento degli sfollati nel recupero delle loro cose in via Porro e in via del Campasso. Pare che ci sarà un altro turno (lo deciderà il commissario per la ricostruzione Marco Bucci) ed, eventualmente, anche in quel caso i pompieri si presteranno. L’età media del corpo è alta e l’impegno dei vigili del fuoco è davvero pesantissimo.
Oggi nella caserma e nei distaccamenti è stato un giorno come un altro, in attesa di eventuali richieste di aiuto, con la consueta pausa-mensa messa a disposizione di chi fa turni così lunghi: <È un momento aggregativo – spiega Infantino -. Oggi abbiamo anche tagliato il panettone. Quando lavori gomito a gomito per tante ore, tra colleghi si forma una sorta di seconda famiglia>. Davvero lunghissimi i turni di 12 ore, anche a Natale, nell’attesa di chiamate che possono dare a origine a missioni difficili e pericolose. Eppure lo stipendio resta al palo, le pensioni (future) diminuiscono e c’è anche il rischio che le assunzioni sperate non arrivino tanto presto.

Pubblichiamo in formato Pdf la lettera della Fp Cgil Vigili del Fuoco su “Legge-di-bilancio-nessun-aumento-e-tagli-alle-pensioni-per-i-VVF”

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: