Le ultime notizie

I locali del centro storico lanciano una raccolta firme per contrastare quella che vuole spegnere le luci dei vicoli

Appuntamento da venerdì 14 ottobre alle erbe e in ogni locale della città vecchia. L’idea è quella di “contarsi” per dimostrare quanti siano quelli che voglio la vita dei carruggi 

movida

L’evento, che comincia venerdì sera, è stato creato su Facebook dalla pagina di piazza delle Erbe. L’obiettivo è quello di dimostrare al sindaco quanti sono coloro che vogliono una movida sana e rifiutano di assoggettarsi al desiderio di pochi residenti riuniti nell’associazione Assest che, secondo i pubblici esercizi della città vecchia avrebbero raccolto firme su varie emergenze del quartiere “presentandole” poi come una petizione contro la movida.
<Da venerdì 15 ottobre in piazza delle Erbe e nei locali del centro storico raccolta firme per dimostrare che quello che Genova vuole veramente è la movida sana, senza eccessi, con controlli e non la chiusura dei locali – si legge sull’evento -. Per “contarci”. Il Sindaco ignora le aziende e i tanti cittadini che riconoscono il ruolo delle attività e dei circoli che accendono una luce nella città vecchia garantendo il presidio e la sicurezza del territorio. Dimostriamogli che sbaglia. Dimostriamogli quanti genovesi vogliono che il centro storico viva e che la zona della movida non segua il destino di Pre’, dove i negozi chiusi hanno lasciato da anni spazio alla criminalità e al degrado sociale ed economico, allo spaccio e alla delinquenza. Dobbiamo recuperare quella zona, non ridurre nelle stesse condizioni l’area della movida. Noi vogliamo che la città vecchia viva. Vogliamo investimenti da parte della civica amministrazione perché la rete commerciale viva anche di giorno. Vogliamo dalle forze di polizia un presidio fisso che abbia ragione sia dei comportamenti maleducati sia dello spaccio. Vogliamo la pulizia che manca e il decoro che da tempo viene meno.
Firmiamo perché non si riduca a un deserto buio senza attività commerciali, senza controllo, in mano alla delinquenza>.
L’obiettivo è evidentemente quello di raccogliere il consenso attorno a una movida sana, che non disturbi gli abitanti, che stia nei binari grazie all’impegno dell’amministrazione, delle forze dell’ordine e dei commercianti, ma anche dei molti abitanti che non vogliono che si spengano le luci di questa parte del centro storico e che questo sia consegnato al silenzio e all’insicurezza come molte atre zone.

1 Commento su I locali del centro storico lanciano una raccolta firme per contrastare quella che vuole spegnere le luci dei vicoli

  1. Andrò a firmare anch’io.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: