Alimentare 

Le feste in tavola a Genova/5. Il tronchetto di Natale e gli anicini

tronchetto-di-natale
Tra i dolci di Natale della tradizione genovese ci sono il tronchetto di Natale e gli anicini. Chi non fosse ancora sazio dopo questa lunga maratona gastronomica, può provare anche queste ricette, magari da destinare alla tavola del cenone di Capodanno o a quella dell’Epifania.
Tronchetto di Natale
Ingredienti
Per la pasta:
farina di tipo 0 100 grammi,
zucchero 100 grammi,
3 albumi montati  a neve,
5 tuorli,
vanillina
 
Per la bagna al rhum:
200 g. di acqua,
100 g. di zucchero (meglio se di canna),
cannella,
1 chiodo di garofano,
50 g. di rhum per dolci
 
Per la farcia:
Marmellata di marroni.
 
Per la copertura
Cioccolato fondente 300 grammi,
panna 200 grammi,
qualche marron glacè per decorare
Montate i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina setacciata e la vanillina, adoperate metà degli  albumi montati a neve per ammorbidire il composto e  incorporate delicatamente il resto degli albumi.
Foderate una placca con carta da forno e spalmate l’impasto che deve risultare alto un centimetro. Infornate a forno già caldo (180 gradi) per 10 minuti.
Rovesciare la placca capovolta su un canovaccio bagnato con la bagna al rum e cosparso con zucchero semolato. Togliete la carta da forno e avvolgere il canovaccio dove è stato posato il biscotto.
Bagna al rhum
Bollite 200 grammi di acqua con 100 grammi  di zucchero, cannella e il chiodo di garofano per 5 minuti e fate raffreddare. Aggiungete 50 di rum per dolci.
Srotolare con delicatezza il biscotto dal canovaccio e inumidirlo ulteriormente con la bagna.
Farcia
Spalmate la marmellata di marroni sul biscotto e arrotolatelo di nuovo.
Copertura
Fondete a bagnomaria cioccolato e panna, sempre mescolando, prima col cucchiaio, poi con la frusta.
Passate in frigorifero a raffreddare, mettetee il tronchetto sul piatto di portata e spalmate  la copertura sul tronchetto farcito.
Fate dei lunghi graffi culla copertura in modo da simulare un vero tronchetto di legno.
Guarnite con foglie di alloro unte con olio di semi e ciliegine candite rosse a simulare l’agrifoglio.
Anicini
 Ingredienti
500 grammi di zucchero
10 uova
un bicchierino di acqua aromatica ai fiori d’aranci
un cucchiaio di semi di anice
400 gr di farina
burro per ungere.
Preparazione
In una ciotola grande di vetro,  spaccate le uova, versate i soli tuorli nello zucchero, mescolando con un cucchiaio di legno. A parte montate a neve gli albumi, poi aggiungete i tuorli, i semi di anice e l’acqua aromatica. Mescolate ancora con cura quindi unite, per ultima, la farina. Mescolate adagio e lasciate riposare un attimo.
Intanto ungete con il burro le pareti di uno stampo largo circa 10 cm, oppure procuratevi in negozi specializzati delle apposite scatole di carta resistente, strette e discretamente lunghe, da imburrare anch’esse; riempite gli stampi con l’amalgama, spianate la superficie e mettete a cuocere in forno, già caldo a 170-180°, per circa 20 minuti. Sfornate gli stampi, lasciate raffreddare quindi, una volta tolto l’impasto, tagliatelo a fettine, dello spessore di circa 2 centimetri e della grandezza di cm 4 x 6, stendete quest’ultime in una placca da forno e rinfornate per biscottarle. Servite gli anicini freddi.
Si conservano a lungo racchiusi in scatole di lamiera, con coperchio a chiusura ermetica.

#ricettefeste

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: