Senza categoria Storia 

S. Fruttuoso, storia fotografica di una omonimia

Un interessante libro di Giulio Venturini su un’omonimia che nessuno ha mai realmente collegato: come mai il quartiere di S. Fruttuoso a Genova ha lo stesso nome dell’abbazia di Camogli?  “Da Tarragona a Terralba” lo spiega con un itinerario fotografico suggestivo e essenziale come recita il sottotitolo. La presentazione del volume avverrà venerdi prossimo alle 17.00 a Palazzo Ducale presso gli spazi dell’istituto di Storia e Patria. L’evento è organizzato da “A Compagna”.

“San Fruttuoso di Capodimonte (Camogli) e San Fruttuoso di Genova; eppure non tutti conoscono il perché di questa omonimia, né come mai il quartiere genovese, pur non vantando alcuna reliquia del Santo omonimo, ne abbia preso il nome. L’autore racconta le leggendarie peripezie delle reliquie dei santi martiri Augurio, Eulogio e Fruttuoso: pare che durante il famoso viaggio che da Tarragona le condusse alla loro destinazione finale, San Prospero e i giovani che lo accompagnavano, si fossero fermati proprio in questa zona, che prese dunque il nome dalle spoglie del Santo che, seppure per un breve periodo, aveva ospitato. Il reliquiario di San Fruttuoso è tutt’ora conservato nell’omonima chiesa di Genova, riedificata nel XX Secolo”

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: