Lavoro 

Coopsette a concreto rischio chiusura. 50 posti di lavoro a rischio

 Presidio Fillea Cgil giovedì davanti a Legacoop

 Sono 50 i lavoratori genovesi di Coopsette, l’azienda cooperativa che fino a qualche anno fa era considerata tra le maggiori aziende edili italiane e che ora chiude i battenti. Mancano, spiegano i vertici, le «condizioni per predisporre un piano industriale, economico finanziario che possegga quelle caratteristiche di credibilità e fattibilità idonee a supportare una proposta concordataria che si fondi sulla continuità dell’attività della società». In ansia 500 lavoratori di cui, appunto, 50 a Genova.

Fino a pochi anni fa era accusata di essere un’impresa “pigliatutto”, di riuscire a costruire tutto quello che c’era da costruire.

Sono, appunto, oltre 50 gli occupati della cooperativa, tra soci e dipendenti, tutto personale qualificato e altamente specializzato, a vedere seriamente compromesso il posto di lavoro. <Tra i più colpiti dalla situazione in cui versa la cooperativa i soci, i quali, non solo rischiano di perdere l’occupazione, ma anche i risparmi che hanno destinato al patrimonio sociale – dicono alla afille a Cgil di Genova -. Oggi Coopsette non ha più commesse e rischia fattivamente di chiudere i battenti portando con sé una storia lunga tanti decenni, chiusura che penalizzerà ulteriormente un settore, quello edile, già profondamente piegato dalla crisi>.

<Alla luce di quanto sopra, ed al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica su quanto stanno vivendo i soci e dipendenti della Coopsette – dicono al sindacato – la Fillea Cgil ha organizzato un presidio per il giorno 29 ottobre alle ore 10.30 presso la Lega Coop Liguria in viale Via Brigata Liguria 105/r. Durante la manifestazione sarà chiesto un incontro alla Lega per individuare possibili vie a tutela dell’occupazione e del reddito dei lavoratori coinvolti>.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: