“Made in Italy: eccellenze in digitale – Liguria”

Genova, La Spezia e Savona: sei consulenti per aiutare le aziende liguri a far “navigare” il proprio business

640x-1
Diego Ciulli, public policy manager di Google Italia, ha partecipato questa mattina alle ore 12,00 alla conferenza stampa del progetto “Made In Italy – Eccellenze in Digitale”, presso la Camera di Commercio di Genova assieme al segretario generale genovese Maurizio Caviglia. Anche i sei giovani borsisti liguri (due per provincia) hanno preso la parola per raccontare concretamente il fine del loro lavoro.

<Il Made in Italy è da sempre riconosciuto come sinonimo di eccellenza e artigianalità. Le imprese italiane portavoce di questo saper fare sono tante e la qualità dei loro prodotti è apprezzata a livello internazionale, lo vediamo dalle ricerche che arrivano da tutto il mondo attraverso il motore di ricerca – dichiara Diego Ciulli – Eppure, a fronte di questa domanda in costante aumento, le imprese soprattutto piccole e medie che utilizzano il web per promuoversi ed esportare sono ancora poche rispetto alla media europea. Il digitale può essere una leva di crescita importante per le aziende e le esperienze anche qui in Liguria lo confermano. Ad esempio, grazie al sito web, completamente rinnovato grazie al lavoro dei digitalizzatori, e a una forte presenza sui social media, Fratelli Levaggi Sedie, un’eccellenza produttiva ligure che realizza con metodi tradizionali la sedia “chiavarina”, ha aumentato la propria visibilità online ed è stata contattata da numerosi designer interessati a stringere rapporti commerciali. Speriamo che esempi virtuosi come questo possano essere di ispirazione anche per le numerose altre realtà produttive e centri eccellenti della regione>.

<Dopo aver puntato, l’anno scorso, sulle eccellenze dell’artigianato, della ristorazione e delle botteghe storiche – continua Maurizio Caviglia – quest’anno abbiamo deciso di puntare su turismo e commercio estero. Il primo perché Genova, come tante altre destinazioni, è investita da un cambiamento globale dovuto proprio all’uso massiccio di internet, che offre tante opportunità ma anche qualche rischio su cui le imprese devono essere preparate. Il secondo perché, man mano che cresce il livello di maturità digitale, aumenta la percentuale di imprese che fanno export: fino al 39% del fatturato da export delle imprese di medie dimensioni che sono attive online è realizzato grazie a Internet>.

Con Genova, hanno aderito in Liguria anche La Spezia e Savona. La Spezia ha aderito al progetto perché offre un servizio concreto e utile alle imprese e i settori su cui la Camera ha puntato sono nautica/cantieristica e agroalimentare, entrambi strategici per l’economia del territorio. Per la Camera di Commercio di Savona si tratta della seconda annualità: quest’anno i settori prescelti sono alimentare, turismo e cultura.

Nel mondo, d’altronde, l’interesse per il Made in Italy continua a crescere: un’analisi delle ricerche effettuate dagli utenti, condotta con Google Trends, ha mostrato che i settori dell’economia tradizionale sono in crescita costante: +22% nell’ultimo anno su smartphone e tablet. Tra il 2011 e il 2014, sia da computer che da mobile, l’incremento è stato del 20%. In più, il maggiore interesse viene dall’Est e dai paesi tradizionalmente interessati al Made In Italy (Gran Bretagna, Germania e Usa). Se questi consumatori non troveranno ciò che vogliono, si affideranno al corrispettivo straniero o a un’imitazione. Ricordiamoci che, se in Italia compriamo ancora poco online, in Germania lo fanno l’80% dei consumatori, in Francia il 75% e negli Usa siamo a pochi passi dal 100%.

In tutta Italia sono 64 le Camere di Commercio che hanno aderito all’iniziativa, per un totale di 128 consulenti. Concretamente, i ragazzi potranno supportare le aziende singolarmente ascoltando le proprie esigenze, organizzare workshop di gruppo sui temi maggiormente richiesti (e-commerce, Social Network, branding identity…) e soprattutto far conoscere in ogni modo le potenzialità della Rete per incrementare il proprio business.

A Genova i nuovi borsisti sono Serena Pagliosa e Matteo Sivori: la prima, 27enne, più legata al mondo dell’informatica con conoscenze tecniche ed esperienza nella creazione di siti; l’altro, 28 anni, traslato dal mondo del giornalismo, è focalizzato sulla comunicazione e il marketing Web.

A Savona Noemi Reina, 27 anni laureata in Scienze delle Comunicazione specializzata in food marketing e promozione del territorio; e Federica Traversa, 29 anni, ha esperienze nel settore del giornalismo e degli uffici stampa.

Sono invece Tiziano Pucci, 23 anni laureando in Informatica Umanistica e con esperienza di promozione territoriale, e Leandro Sanfilippo, 28 anni già laureato in Informatica Applicata ed esperto di sicurezza informatica, i borsisti di La Spezia.

Ma non ci sono soltanto i consulenti; attraverso una piattaforma digitale, http://www.eccellenzeindigitale.it, le imprese possono seguire percorsi formativi per acquisire competenze per il Web e iniziare a esplorare le potenzialità dei mercati stranieri attraverso semplici strumenti online.

Maggiori informazioni sul progetto sono disponibili sul sito http://www.eccellenzedindigitale.it

Per ulteriori informazioni:

CONSULENTI
Serena Pagliosa – pagliosa.ge.camcome@eccellenzeindigitale.it
Matteo Sivori – sivori.ge.camcom@eccellenzeindigitale.it
Noemi Reina – reina.sv.camcom@eccellenzeindigitale.it
Federica Traversa – traversa.sv.camcom@eccellenzeindigitale.it
Tiziano Pucci – pucci.sp.camcome@eccellenzeindigitale.it
Leandro Sanfilippo – sanfilippo.sp.camcom@eccellenzeindigitale.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: