Annunci
Ultime notizie di cronaca

ORRORE (Genova 935) – VII Capitolo : “Della morte del mercante bugiardo e della “Politica” di Aristotele”

costantinopoli (Agenzia: email)  (NomeArchivio: COSTAjn4.JPG)

Esattamente oggi, 26 agosto 2015, è il 1080º anniversario dell’assalto e del sacco dei Saraceni che distrussero la nostra città, bruciarono la cattedrale, rubarono ogni cosa e portarono via come schiavi donne e bambini

Il 26 Agosto è una data infausta per GENOVA e sarà ricordata dai genovesi per moltissimi anni. In risposta alla precedente sconfitta del 931 il Califfo fatimita ABÛ al QÂSIM MUHAMMAD invia da Frassineto 200 galee al comando di YÀQUB IBN ‘ISHÂQ per assediare e colpire la città di GENOVA. Prima dell’alba, gli arabi sbarcati nella spiaggia sotto la chiesa di San Siro, assaltano la città ancora addormentata uccidendo tutti gli uomini che incontrano e portando via le donne e i bambini sulle loro navi. Questa rapida incursione dura solo due ore ma vengono anche incendiate e profanate molte chiese e portate via tutte le imbarcazioni presenti nel porto. La flotta genovese, che era in Corsica, ritornando in patria ed appresa la triste notizia, si dirige subito verso i predatori che raggiunti nei pressi dell’Asinara vengono battuti in un’aspra battaglia in cui vengono liberati i genovesi rapiti e ripreso il bottino. Quella grave offesa subita dalla città resterà comunque nella memoria dei genovesi e per secoli sarà forte l’impegno di vendicare la pesante sconfitta subita dai mussulmani spagnoli. Per proteggere meglio quella parte della città, allora fuori le mura, viene iniziata la costruzione di un piccolo castello fortificato su una collina dominante la zona che prenderà il nome di “Castelletto”. Un’altra rivincita arriverà dopo 16 anni quando i genovesi riusciranno a riconquistare e liberare alcune delle cittadine della riviera ligure precedentemente conquistate dai musulmani.

(tratto da Vegia Zena)

Nell’anno del sacco dei saraceni e in quello immediatamente precedente si muovono i protagonisti di “Orrore (Genova 935)”, il romanzo che racconta di amore e di morte, proprio come ogni romanzo che si rispetti deve fare.

Questo il link al VII capitolo dove potrete scaricare in formato .pdf i capitoli precedenti https://orroregenova935.wordpress.com/2015/08/26/vii-capitolo-della-morte-del-mercante-bugiardo-e-della-politica-di-aristotele/

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: