Giro, un successo per Genova

Molti turisti, una festa per i genovesi e una grande promozione mondiale per la città

anna
(Il “Giro” a Pra’ – Foto di Anna Rossi)

Una grande festa per la città, tanto che i genovesi hanno mugugnato meno del solito, nonostante qualche disagio, soprattutto per il Ponente, dove non ci sono alternative viarie, e per la necessitò di spostare le auto posteggiate in certe zone. Ma il gioco valeva la candela. È stata una grande festa con qualche ritorno per gli alberghi, incassi in più per i 200 pubblici esercizi, bar e ristoranti, che hanno deciso di tenere aperto durante la giornata festiva ma, soprattutto, un’immenso ritorno di immagini per la città. Le tv, infatti, oltre a seguire il “Giro”, hanno realizzato bei servizi su Genova e sulle sue bellezze (ad esempio, i palazzi dei Rolli) trasmessi anche in mondovisione.

“Il bilancio è ampiamente positivo – dice Carla Sibilla, assessore al Turismo del Comune di Genova -, anche se l’obiettivo non era tanto quello di catturare visitatori per questo fine settimana quanto quello di “spalmarli” sui prossimi mesi grazie al ritorno mediatico. Le immagini della città che si sono viste sono state molto positive, ben realizzate”. Sibilla spiega che per la prossima settimana si attende il pienone in città grazie a Slow Fish, alla festa della musica alla Fiera e a un convegno medico e aggiunge che esistono già anche prenotazioni per il week end del “Rolli Day”. “La delegazione della Bretagna, regione con la quale collaboriamo, ha visitato recentemente la città. L’assessore a Turismo e Cultura di Saint Malo ci ha detto che dieci anni fa Genova era citata sulle guide internazionali come una destinazione senza attrattive. Oggi, invece, ci ha detto, è una destinazione di grande interesse che, al contrario di altre città, come Firenze, che si sono un po’ sedute sugli allori, ha fatto molto per l’accoglienza”.

Per il prossimo week end, hotel pieni già da metà settimana

Soddisfatta anche Mafalda Papa, presidente dell’Associazione Albergatori di Ascom: “Questo è stato un “normale” fine settimana di primavera, nei nostri hotel. Il Giro non ha impattato più di tanto sulle prenotazioni. Ma la comunicazione che attraversol’evento Genova ha potuto fare è molto positiva. I video fatti sulla città e trasmessi in questa occasione sono stati molto positivi, abbiamo avuto una forte visibilità. Per quanto riguarda la settimana che sta per cominciare, invece, siamo pieni già da giovedì. Poi ci saranno i ponti delle festività dei paesi del nord, tra fine maggio e giugno. La cosa positiva è che non ci stiamo svendendo. Non sono importanti solo i numeri, ma anche la redditività. Manteniamo prezzi giusti, senza essere costretti a deprezzare il servizio offerto per riempire le camere”.
Laura Gazzolo, portavoce del Turismo di Confindustria, conferma: “Questi due giorni sono andati bene, come vanno bene tutti i fine settimana primaverili, ma per il prossimo fine settimana siamo pieni già da mercoledì. Per quanto riguarda le date future, ancora c’è tempo. Le prenotazioni sono sempre più spesso last minute ed è presto per tirare le somme. Certo è che il “Giro” è stato uno spettacolo che è piaciuto molto e che ha messoin luce le bellezze di tutta la Liguria di Ponente e di Genova. Speriamo accada altrettanto anche per le prossime tappe”.
“L’operazione di “acquisizione” di ben quattro tappe della manifestazione in Liguria da parte della Regione ha dato i suoi frutti – dice Ilaria Mussini, dirigente Ascom e candidata nel Listino di Raffaella Paita proprio alle Regionali -. La cittá era in festa, c’era moltissima gente, i ristoranti erano pieni. Il Giro è stato un investimento. Sono stati soldi spesi benissimo perché l’evento è una vetrina straordinaria”.
10835152_10204096742524938_5500471350406630019_o

(Ilaria Natoli, presidente della consulta Civ Ascom, premia la nuova maglia rosa Michael Matthews, australiano e l’intera squadra Orica Green Edge, la stessa della maglia rosa di Sanremo, Gerrans, anche lui australiano – foto di Linda Celenza)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: