gas stoveOggi a Genova 

Lagaccio, un altro rischio esplosione sventato dai Vigili del fuoco e dai tecnici Ireti

Questa volta non si è trattato di un tentativo di suicidio come quello di stamattina, ma di un pericolosissimo guasto

Sempre a causa del gas, oggi si è rischiato un secondo disastro dopo il tentativo di suicidio-omicidio avvenuto a Borgoratti. Stavolta non si è tentato di un gesto volontario, ma di un guasto.

La cucina a gas in un appartamento del quartiere del Lagaccio perdeva metano, che aveva ormai sostituito il 30% dell’ossigeno dell’ambiente. La residente nella casa rischiava di fare una brutta fine e se qualcuno non avesse sentito l’odore si sarebbero potute creare le condizioni per una devastante esplosione. La donna, nonostante la grande quantità di gas della perdita, non ne sentiva più l’odore. Quando si sente un odore per un lungo tempo, si finisce per non sentirlo più, si crea assuefazione, che è una condizione pericolosissima perché non permette di percepire il pericolo.

Come a Borgoratti sono intervenuti i Vigili del fuoco e i tecnici Ireti. Questi ultimi hanno chiuso la mandata del gas. La donna è stata messa in salvo.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: