diritti e sociale 

Massoero, apre il nuovo Centro Servizi per le povertà con servizi mensa e lavanderia per le persone senza fissa dimora

Per la realizzazione del nuovo Centro servizi per le povertà, il Comune di Genova ha ottenuto anche finanziamenti nell’ambito del PON-Legalità, del PinQUa, del PNRR e della partnership con la Fondazione della Compagnia di San Paolo

Aperto da ieri sera il nuovo Centro Servizi per le Povertà-Stazione di Posta nell’ex asilo notturno Massoero, storico edificio di via del Molo, al centro di un progetto di rigenerazione urbana e di ampliamento delle attività rivolte alle persone in condizioni di povertà

Le persone senza fissa dimora trovano, da ieri, all’ex Massoero quindi nuovi servizi di accoglienza, prima solo notturna, con mensa e lavanderia per gli ospiti della struttura

«La struttura – spiega l’assessore ai Servizi sociali Lorenza Rosso ieri sera all’inaugurazione – vedrà un progressivo ampiamento dell’offerta dei servizi a favore delle persone senza dimora e in condizioni di estrema povertà. Abbiamo iniziato una prima risistemazione degli spazi e seguiranno ulteriori interventi manutentivi che interesseranno le restanti porzioni dell’edificio dal terzo fino al quinto piano. La mensa, che abbiamo aperto ieri sera, rappresenta uno dei primi tasselli fondamentali che vedranno nell’arco di tre anni il completamento di un Centro Servizi per le povertà all’avanguardia con i bisogni delle vulnerabilità sociali all’interno dell’ex Massoero, che fin dal 1925 ha rappresentato un punto di riferimento come di accoglienza e sostegno per le persone in condizioni di fragilità sociale».

Nelle foto, di Sara Hermanns, insieme all’assessore Rosso:

Simone Leoncini e Matteo Boschetti della coop Il Ce.STO.

Miriam Cancellara Sergio Bottero e Fabrizio Castelli di Afet Aquilone A.P.S.

Alberto Mortara di Fondazione Auxilium capofila Patto di Sussidiarietà per persone senza dimora

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: