Cosa fare a Genova 

Critical Wine al Buridda. Dalle 13 alle 19 per scoprire le piccole realtà contadine che cercano forme sostenibili per la cura della vigna

La manifestazione, da tempo apprezzatissima da cultori del vino e dell’ambiente, produttori e consumatori, è cominciata ieri e proseguirà oggi, domenica 13 novembre, presso il Laboratorio sociale occupato autogestito, in corso Monte Grappa

«La scorsa estate siamo scoppiati di caldo e siccità. Ci chiediamo cosa possiamo fare per vivere più in sintonia con la terra, per arginare o migliorare la situazione – scrivono gli organizzatori su Facebook -. Da un lato vediamo la grande industria che utilizza il 70% delle risorse idriche del pianeta per la loro agricoltura e gli allevamenti intensivi. A livello industriale per produrre un chilo di carne di mucca occorrono 15mila litri d’acqua, 5mila per un chilo di maiale e 300 litri per produrre un chilo di verdure. Vengono usati 15mila litri d’acqua per 1kg di caffè!!! Dall’altro lato scopriamo che sono sempre di più le piccole realtà contadine e vignaiole che cercano forme più sostenibili per la cura della vigna e della terra, per un utilizzo più razionale delle risorse idriche. C’è addirittura qualcuno che non irriga affatto, cercando ora soluzioni nei saperi antichi, ora nelle nuove tecnologie».

«Le nostre scelte giornaliere – al di là di chiudere il rubinetto quando ci laviamo i denti – sono un potere potente ed è attraverso questo che vogliamo scambiare riflessioni, esperienze, pratiche e creare reti anche per migliorare la gestione delle risorse idriche sui territori – proseguono al Lsoa Buridda – Andiamo da chi produce con cura e attenzione verso la terra per saziare la nostra fame e sete, mescoliamo la tradizione di un tempo, del non spreco e del riutilizzo, a soluzioni innovative per diminuire il consumo dell’acqua e imparare ad usufruirne con rispetto fino all’ultima goccia».

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: