Cosa fare a Genova 

Quarto Pianeta Festival, due appuntamenti all’insegna del teatro sperimentale

Ultimi giorni per visitare le mostre. Gran finale sabato 22 ottobre  con il teatro sperimentale di Dario Bellini e le follie musicali di Enrico Pieranunzi in collaborazione con la GOG

Ultimi giorni per visitare le mostre che da oltre un mese stanno animando le sale dello Spazio 21 in occasione dell’undicesima edizione di Quarto Pianeta Festival che sabato 22 ottobre chiuderà con due appuntamenti all’insegna del teatro sperimentale con Dario Bellini e della grande musica con Enrico Pieranunzi in collaborazione con la GOG.

Sabato 22 ottobre si inizia alle 19,00 con “Il Piede, scultura teatrale” di Dario Bellini che reinterpreta e rilegge le provocazioni artistiche di una piece di Tommaso Marinetti andata in scena al teatro Dal Verme di Milano nel 1915 e mai più rappresentata. Riapparso in sogno con tutti i dettagli della messa in scena all’autore nel 2015 costituisce il primo dei quattro livelli di una scultura teatrale realizzata per l’occasione da Dario Bellini. 

[Continua sotto]

«Non è teatro! – afferma perentorio Bellini – Sembra, teatro, ma non è teatro. Non è 900! Sembra, 900, ma non è Novecento. Non sembra arte visiva, sembra più teatro. Ma non è più Novecento e l’arte visiva si è molto allargata, fin dentro il teatro. Oltre il teatro. Fa finta di essere teatro per disputare su ciò che è, o non è, dell’arte visiva. Non ha un punto di applicazione, sono solo chiacchiere. “Chiacchiere non direi, sono chiacchiere, ma interessanti. È politico tutto ciò? Assolutamente!”». 

Alle 21,00 sarà la volta delle follie musicali della GOG – Giovine Orchestra Genovese con Enrico Pieranunzi che si esibirà in Piano Solo, con una serie di improvvisazioni che andranno da Bach ai giorni nostri.Il famoso pianista romano torna anche quest’anno a Quarto Pianeta dopo avere suonato alla Beethoven Haus di Bonn e racconta come «il tema della serata sarà una riflessione in suoni sulle sconfinate possibilità dell’interpretazione e dell’invenzione in musica».   

«Siamo molto soddisfatti – conclude Amedeo Gagliardi, portavoce del Coordinamento di Quarto Pianeta – Quest’anno il Festival è stato particolarmente impegnativo ma abbiamo avuto un grande riscontro da parte del pubblico che ha sempre partecipato numeroso dimostrandosi per nulla indifferente! Il festival è durato più a lungo e gli eventi erano tanti e molto interessanti e forse anche questo ci ha aiutato a riportare l’attenzione su temi come l’importanza di accettare le differenze, l’accoglienza, dell’arte come terapia ed espressione per tutti, dello scambio culturale come momento indispensabile… abbiamo confermato – come scriveva Franco Basaglia – che l’impossibile è stato possibile». 

Sabato 22 Ottobre

H 19:00  Aula 7

 Il piede  Scultura teatrale

di Dario Bellini

con Maurizio Bettinzoli, Irene Carta, Maddalena Costagli, Irwan Guedouar, Cristina Guerra, Dora Lazzari, Andrea Manni, Carlo Pardi 

costumi di Mariella Butturini logistica Edoardo Rosa

H 21:00 Spazio 21

→ FOLLIE MUSICALI

Concerto a cura della GOG Giovine Orchestra Genovese Enrico Pieranunzi, pianoforte

Il piano solo di Pieranunzi, “un’avventura musicale da seguire nota dopo nota” come una riflessione in suoni sulle sconfinate possibilità dell’interpretazione e dell’invenzione in musica.

Il Coordinamento Quarto Pianeta, oltre ad evitare che l’ex Ospedale Psichiatrico di Genova Quarto venisse ceduto e alienato, da circa dieci anni contribuisce alla sua rigenerazione organizzando vari eventi ed attività, cercando di riconnettere culturalmente questa “periferia” alla città. Negli ultimi anni, anche grazie ad ASL 3 è stato aperto lo Spazio 21, le ex cucine: uno spazio dove mettere al centro la cultura della salute come intersezione di discipline diverse, dove i temi dell’urbanistica, dell’ambiente, dell’architettura, della socialità, della medicina, dell’arte e della democrazia si possano arricchire reciprocamente a favore del bene comune. Quale posto migliore per indagare questi aspetti.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: