Oggi a Genova 

Spaccio, i Carabinieri arrestano 27 persone nel centro storico

L’intensa attività di spaccio veniva agevolata da numerosi “fiancheggiatori” i quali, pur non prendendo attivamente parte agli scambi, stazionavano nell’area in qualità di vedette, avvisando spacciatori ed acquirenti della presenza o dell’improvviso arrivo di pattuglie delle Forze di polizia

Per diversi giorni i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Genova Centro si sono adoperati per dare esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere,disposta dal G.I.P. su richiesta del P.M. dott. Federico Panichi, nei confronti di 15 stranieri, di cui la maggior parte senegalesi, nonché alla misura del divieto di dimora nel comune di Genova per altri 4 extracomunitari e della detenzione domiciliare per 1 donna italiana.

L’articolata attività d’indagine – denominata “I Campi”, dal nome in codice con cui gli spacciatori definivano le piazze di spaccio a cielo aperto – avviata a marzo 2021 a seguito di numerosi esposti della popolazione residente, ha permesso di identificare e disarticolare una vasta rete di spacciatori operanti nel Centro storico genovese, insediati in particolare nei quadranti di via Pré, via Gramsci e piazza della Commenda.

Emblematica è stata la figura di una donna italiana, ora sottoposta ai domiciliari, in costante e continuo contatto con la rete di spacciatori ai quali non mancava di fornire aiuti e supporto logistico, arrivando anche a custodire le dosi di droga per i clienti all’interno della propria abitazione, sempre in Centro storico.

Preziose per lo sviluppo delle indagini si sono rivelate le dichiarazioni rese dagli acquirenti,fermati poco dopo le cessioni di stupefacente: si tratta di operai, studenti universitari, donnegiovani e meno giovani, minori, finanche avvocati e liberi professionisti, i quali hanno dichiarato di essere giunti in zona appositamente per trovare il pusher di fiducia ovvero lo spacciatore disposto a cedere proprio un particolare tipo di sostanza (sono state rinvenute e sequestrate ingenti dosi di hashish, cocaina, crack ed eroina).

Le misure cautelari, eseguite tra venerdì e domenica della scorsa settimana, si aggiungono ad ulteriori 19 provvedimenti restrittivi (di cui 15 arresti in flagranza e 4 ordinanze di custodia cautelare in carcere) già eseguiti nei mesi precedenti a conferma e rafforzamento del quadro probatorio, eseguiti nei confronti di soggetti stranieri monitorati durante le operazioni.

Durante tutto l’arco temporale dell’attività d’indagine – avviata e portata avanti mediante intercettazioni telefoniche, innumerevoli servizi di osservazione controllo e pedinamento (c.d. O.C.P.), nonché analisi delle immagini di telecamere di videosorveglianza sono state documentate quasi 1.000 cessioni arrivando a sequestrare oltre 15 kg di stupefacenti di vario tipo e circa 16.000 € in banconote di piccolo taglio.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: