Cosa fare a Genova 

Domani al via il Festival dello Spazio. Si comincia con la “Signora delle comete”

L’ingegnera aerospaziale e accademica è una delle personalità più importanti al mondo nel campo delle scienze e tecnologie aerospaziali; consulente scientifica della NASA, dell’ASI e dell’ESA, è stata Principal Investigator responsabile dello strumento SD2 sulla sonda spaziale Rosetta. È stata la prima donna in Italia a laurearsi in ingegneria aerospaziale, con votazione 110 e lode, presso il Politecnico di Milano, dove è stata poi docente di meccanica orbitale

Giovedì 30 giugno la giornata introduttiva con Spacebook, salotto letterario dedicato alle più interessanti novità editoriali in campo aerospaziale. Gradita sorpresa dell’ultimo minuto è la partecipazione di Amalia Ercoli Finzi. Rimandata la conferenza del fisico e poeta Bruno Galluccio, al suo posto verrà proiettato in anteprima il documentario di Marco Spagnoli e Francesco Rea Spazio italiano: dalle origini al progetto San Marco.

La sesta edizione del Festival dello Spazio, in programma alla Villa Borzino di Busalla, prende il via domani, giovedì 30 giugno con un colpo a sorpresa: Spacebook, il salotto letterario sulle principali novità nel campo dell’editoria aerospaziale che tiene a battesimo la rassegna, si aggiunge la prestigiosa partecipazione di Amalia Ercoli Finzi, il vessillo più conosciuto della scienza spaziale italiana, la signora delle comete. Si sostituisce alla figlia Elvina, insieme alla quale è co-autrice del libro Oltre le stelle più lontane, edito da Mondadori.

«Quello di Amalia è un gesto davvero eccezionale, che mi emoziona profondamente – dichiara Franco Malerba, “architetto” del Festival – spero che ci sarà il grande pubblico di Busalla che tanto la ama per le sue passate conferenze, raccontate sempre con fare affascinante e amichevole.  Amalia Ercoli Finzi è l’insegnate che ha “costruito” centinaia di ingegneri italiani al Politecnico di Milano; se siamo protagonisti nel mondo spaziale, molto merito è suo».

Ercoli Finzi sarà dunque tra i relatori di Spacebook, la prima iniziativa in Italia dedicata all’editoria aerospaziale, che apre il Festival dello Spazio 2022 alle ore 15 di giovedì 30 giugno: un laboratorio di idee curato da Massimo Morasso e pensato affinché gli addetti ai lavori possano raccontarsi “fuori dalle righe”. Tra i partecipanti si segnala anche il talentuoso divulgatore scientifico Luca Perri, che sarà poi protagonista, sabato 2 luglio alle 16,30, della conferenza spettacolo Nollywood, mai andare al cinema con un fisico, divertente carrellata delle tante topiche presenti anche nei film di fantascienza più celebrati.

L’altra novità di giovedì 30 giugno riguarda la proiezione del film documentario Spazio italiano: dalle origini al progetto San Marco. Diretto da Marco Spagnoli, che ne è anche autore insieme al giornalista Francesco Rea, il film rappresenta un’anticipazione del progetto completo prodotto da Luce Cinecittà per History Channel, dove sarà trasmesso nel prossimo autunno in due puntate che andranno a ripercorrere, grazie alla voce narrante di Vinicio Marchioni, l’avventura italiana nell’esplorazione dell’universo, a partire da novant’anni fa e fino ai futuri progetti legati alla conquista di Marte. La prima parte, oggetto della proiezione al Festival dello Spazio, si spinge appunto fino al Progetto San Marco – programma di collaborazione bilaterale che vide impegnati Italia e Stati Uniti tra il 1962 ed il 1980 – e alla costituzione dell’Agenzia Spaziale Italiana.

Il Festival dello Spazio proseguirà venerdì 1° luglio con l’inaugurazione ufficiale alla presenza delle autorità – tra le quali è atteso anche il sindaco di Genova e della Città Metropolitana, Marco Bucci – e con il panel dedicato alla Space Economyquest’anno di altissimo livello: siederanno infatti allo stesso tavolo i principali promotori delle attività spaziali (Esa, Euspa, Asi, Politecnico di Torino) e i responsabili delle maggiori industrie italiane del settore.

IL PROGRAMMA DI GIOVEDÌ 30 GIUGNO

Anteprima del Festival

Ore 15:00

Spacebook, la libreria dello Spazio

Il “salotto buono” per chi ama leggere e informarsi di Spazio, anche al di là delle pagine di internet. Fra fumetti, libri per ragazzi, avventure (quasi) fanta-scientifiche, memorie autobiografiche, excursus cinematografici, ricognizioni storiche e proiezioni tecnologiche. 

Intervengono:

Paolo Fizzarotti Giovanni Mucci (intorno a Eroi interstellari, L’Orto della cultura, 2022)

Giancarlo Genta (intorno a Le porte dell’Inferno, Youcanprint, 2018)

Amalia Ercoli Finzi (intorno a Oltre le stelle più lontane, Mondadori, 2021)

Luca Perri (intorno a La scienza di Guerre Stellari, Rizzoli, 2021)

Claudio Maccone (intorno a Mathematical SETI, Springer, 2017)

Antonio Lo Campo (intorno a Spazio Made in Italy, Express 2021)

Ore 17:30

Spazio italiano: dalle origini al progetto San Marco (Italia, 2021, durata 54’)

Film documentario di Marco Spagnoli, scritto insieme a Francesco Rea che ripercorre l’avventura italiana nell’esplorazione dell’universo: da 90 anni fa al futuro. Con Giovanni Caprara, Bruno Tabacci, Sergio De Julio, Generale Alberto Rosso, Roberto Somma, Massimo Claudio Comparini, Giovanni Anzidei, Luciano Guerriero.

Tutti gli eventi del Festival dello Spazio sono a ingresso libero: per maggiori informazioni sulle modalità di partecipazione e sul programma completo è possibile consultare il sito www.festivaldellospazio.com e la pagina Facebook @FestivaldelloSpazioBusalla.

Related posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: