Casapound: «52 anni dall’assassino di Venturini, imbrattata la targa». Genova Antifascista pronta a osteggiare manifestazioni

Gianni Plinio denuncia «Anche scritte sulla sede e minacce sui muri». Sabato la presentazione di un libro sull’operaio Msi ucciso e Genova Antifascista scrive su Facebook: «Siamo pronti ad accoglierli se decideranno di uscire nelle nostre strade. Nessuna sfilata nazista resterà senza risposta»

Sono passati 52 anni dall’assassinio di Ugo Venturini «un’altra vittima di anni in cui uccidere un fascista non era reato – dicono a Casapound -. Per ricordare il giovane operaio, militante del Msi, CasaPound Italia organizza una conferenza a Genova sul libro di Massimo Lionti a lui dedicato. Appuntamento il 7 maggio alle ore 18.30 all’Hotel Rex, in via Oreste De Gaspari, 9». Si tratta dell’hotel della famiglia della moglie dell’infettivologo Matteo Bassetti,

Gianni Plinio denuncia che, come accade ormai ogni anni in occasione della morte di Venturini, è stata imbrattata la targa nei giardini di Brignole. Inoltre sono state fatte scritte “Antifa” sulla sede di Casapound in via Montevideo e in città sono comparse scritte minacciose: “CasaPound brucia”. Le scritte e i manifesti strappati sono stati rivendicati da Genova Antifascista nella propria pagina Facebook. Gli antifascisti hanno anche scritto «Nessuno spazio ai fascisti nella nostra città» e ha assicurato «Siamo pronti ad accoglierli se decideranno di uscire nelle nostre strade. Nessuna sfilata nazista resterà senza risposta».

«Nel 51°anniversario della scomparsa di Ugo Venturini colpito a morte da ultracomunisti mentre assisteva ad un comizio elettorale del Segretario del Msi Giorgio Almirante nei giardini di Brignole – dice Plinio – Ugo continua a restare nel cuore dei genovesi migliori! Per noi è stato un onore averlo conosciuto e frequentato durante la comune militanza missina ed essere stati vicini alla vedova Rita ed al piccolo figlio Walter. Era un Italiano esemplare: operaio, padre di famiglia, volontario di una pubblica assistenza ed appassionato militante della fiamma tricolore. Fu il primo caduto degli Anni di piombo i  cui assassini non sono mai stati individuati».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: