Polizia: reati in calo, ma lo spaccio non si ferma e aumentano rapine in casa e in strada

Il 170º anniversario della Polizia: i dati del 2021, confrontati a quelli del 2019 visto (nel 2020 il lockdown ha falsato le statistiche) mettono in luce un calo dell’11% dei delitti, ma sono aumentate le rapine (+17%), in particolare quelle in casa (24) e per strada (256). Aumentano anche, del 4%, le lesioni volontarie e le percosse (da 171 a 188). Diminuiscono le violenze sessuali (da 117 a 89)

Dall’analisi dei dati relativi al periodo 1° gennaio – 31 dicembre 2021 e dal raffronto degli stessi con quelli del 2019 (non del 2020, causa pandemia), emerge una diminuzione (-11%) del numero complessivo dei delitti commessi, passati da 37.910 a 33.745.
2 omicidi volontari, 10 tentati omicidi, 17 omicidi colposi (12 dei quali riconducibili ad incidenti stradali).
Aumentate del 4% le lesioni volontarie (1014) e diminuite del 3% le minacce (797).
Passati da 171 a 188 i casi denunciati di percosse e da 117 a 89 quelli di violenza sessuale.
In decremento del 22% il dato complessivo concernente i furti (in totale 11.150), con una diminuzione del 9% per quelli in esercizi commerciali (1.181), del 39% per quelli commessi con destrezza (2.014), del 20% per quelli con strappo (206), del 23% per quelli in abitazione (1.486), del 35 % per quelli di autovetture (207), del 38% per quelli su auto in sosta (714), del 26% per quelli di mezzi motorizzati a due ruote (920) .
Aumentato invece del 17% il dato complessivo delle rapine (in totale 424) in particolare sulla pubblica via (256) e in abitazione (24). In lieve diminuzione il numero delle rapine presso esercizi commerciali (76). Nessuna rapina in banca e 1 in uffici postali.

In regresso i reati in materia di sfruttamento della prostituzione e pornografia minorile (da 99 a 58) e le estorsioni (da 121 a 102).
Cresciuto il numero dei sequestri di persona (da 5 a 12), uno solo dei quali con finalità estorsive.
Le truffe e le frodi informatiche (4.411) hanno avuto un incremento dell’8% mentre gli altri delitti informatici sono scesi del 20% (452).
Ridotti del 10% i danneggiamenti (7.081) ma aumentati da 78 a 91 quelli seguiti da incendio.

Questi i dati diffusi oggi presso la Sala del Maggior Consiglio di Palazzo Ducale,
storico edificio simbolo della città e della sua antica e superba eleganza, ha avuto luogo la
cerimonia per la ricorrenza del 170° Anniversario della fondazione della Polizia, alla
presenza del Prefetto di Genova Renato Franceschelli e delle massime Autorità cittadine
civili, militari e religiose.

Un’amministrazione longeva che ha accompagnato nel tempo i cambiamenti
della società, trasformandosi essa stessa per soddisfare nuove esigenze nella continuità
del motto “sub lege libertas”. Una polizia radicata nel presente e proiettata verso il futuro
che torna a condividere con i cittadini i suoi più autentici valori ed i risultati conseguiti
grazie al quotidiano operato delle sue donne e dei sui uomini.

Nel corso della cerimonia in programma a Roma, il Presidente della Repubblica
ha conferito la medaglia d’oro al merito civile alla bandiera della Polizia di Stato per le
attività svolte durante la pandemia: “Alle donne e agli uomini della Polizia di Stato che con
eccezionale valore e senso del dovere hanno profuso ogni energia nel garantire, anche in
occasione dell’emergenza pandemica da COVID- 19, la tutela della salute di tutti i
cittadini.” Un importante banco di prova che ha evidenziato lo spirito di servizio che
caratterizza l’attività di ciascun poliziotto.

Per lasciare un segno tangibile dell’importante traguardo raggiunto, il Ministero
dello Sviluppo Economico ha emesso un francobollo celebrativo mentre l’Istituto
Poligrafico e Zecca dello Stato ha realizzato una moneta corrente dal valore di 2euro, che
raccontano l’impegno profuso da poliziotte e poliziotti a salvaguardia dei valori della
legalità e della sicurezza.

Durante la cerimonia genovese, dopo l’intervento del Questore della Provincia,
Orazio D’Anna, sono stati consegnati riconoscimenti ai poliziotti che si sono
particolarmente distinti in attività di servizio.

Ospiti graditi della cerimonia sono stati il maestro clavicembalista Padre Luca
Finocchietti, diacono della Congregazione dell’Oratorio di Genova e i due atleti genovesi
delle Fiamme Oro Viviana Borrato e Francesco Bocciardo, distintisi nei giochi olimpici e
paralimpici di Tokyo del 2021.

Tra i presenti anche gli studenti della classe III B della scuola Secondaria di 1°
grado dell’I.C. “Burlando”, vincitori a livello provinciale del progetto di educazione alla
legalità “PretenDiamo legalità”, promosso per l’anno scolastico 2021/2022 dalla Questura
di Genova in collaborazione con l’Ufficio Scolastico Regionale.

In piazza De Ferrari sono stati allestiti laboratori e stand a cura della Polizia
Stradale, del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica, della Squadra Cinofili, del Reparto
Artificieri, del Gruppo Tiratori Scelti, del VI Reparto Mobile e delle U.O.P.I. nonché due
cavalli condotti da soci dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: