Covid, quasi 600 mila euro dalle casse del Comune alle imprese in “sconti” Tari e versamenti

man wearing face mask taking order at the restaurant

Sono destinati a esercizi pubblici (ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub, mense, birrerie, hamburgherie, bar, caffè), a palestre e impianti sportivi e alle strutture ricettive: alberghi, pensioni e locande

Sono 593,75 gli euro destinati dall’Amministrazione comunale a compensazione della Tari (saldo 2020) e in parte versati direttamente attraverso bonifico bancario o postale alle imprese, sulla base del Decreto Legge del 28/10/2020 nº 137, convertito con la Legge di conversione del 18/12/2020, nº 176 e successive modificazioni che ha introdotto la detassazione dei contributi, delle indennità e di ogni altra misura a favore di imprese e lavoratori autonomi, relativi all’emergenza COVID-19.

La delibera della giunta risale al 3 dicembre dello scorso anno. Una determina dirigenziale ha ora trasferito i fondi.

La delibera ha previsto che i beneficiari del contributo debbano essere in regola con i pagamenti della TARI per l’anno di imposta 2019, se dovuto e che il contributo minimo sia pari a 50 euro, così commisurato:
* ristorazione, palestre e impianti sportivi in misura pari al 30% della parte variabile della tariffa TARI
dovuta a saldo 2020 in base
* alberghi, pensioni, locande ed altre strutture ricettive in misura pari al 20% della parte variabile della
tariffa TARI dovuta a saldo 2020.

Il contributo viene erogato dietro presentazione di specifica istanza, che doveva essere inviata al Comune di Genova entro e non oltre il 31/12/2020

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: