Toti a Roma col ministro Gelmini: «Avanti col progetto del primo Irccs d’Italia con Unige»

Quello di Erzelli «Sarà primo Irccs del Paese a carattere tecnologico e sarà una bandiera per la Liguria nell’ottica del Recovery Fund». Presente anche il rettore Federico Delfino

Prosegue il lavoro per la nascita del primo Irccs – Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico di medicina tecnologica e computazionale, in sinergia con il Polo di Ricerca e Didattica della Scuola Politecnica dell’Università di Genova. È il progetto Erzelli, al centro del colloquio che si è svolto oggi a Roma tra il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, insieme al Rettore dell’Ateneo genovese Federico Delfino, e il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini.


INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI VACCINI

«È stato un incontro positivo e proficuo – afferma Toti – in cui abbiamo avuto modo di entrare nel dettaglio del progetto che avevamo presentato al ministro Gelmini durante la sua visita a Genova, nel luglio scorso. Oggi i dati della pandemia ci consentono di guardare al futuro con coraggio e ottimismo, nella ragionevole convinzione che l’emergenza sanitaria sia ormai alla fine e con la straordinaria opportunità rappresentata dalle risorse del Pnrr. Il progetto Erzelli si inserisce in questo quadro, per realizzare sulla collina nel ponente genovese il primo Irccs del Paese a carattere tecnologico che sarà una bandiera per la Liguria nell’ottica del Recovery Fund, con la messa a sistema delle eccellenze che stanno trovando la propria collocazione privilegiata in quel luogo, dalla Scuola Politecnica dell’Università di Genova al Center for Human Technologies dell’Istituto Italiano di Tecnologia, fino al Cnr e alle grandi aziende come Esaote, Leonardo Supercomputing, Liguria Digitale. Il nuovo ospedale del ponente diventerà un riferimento importante per il capoluogo ligure, per tutte le realtà economiche del territorio, per i ragazzi che studiano e per la cura dei cittadini, garantendo – conclude Toti – l’applicazione di tecnologie avanzate alla nostra salute: un unicum non solo italiano ma internazionale».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: