Cedimento banchina Terminal Spinelli, i sindacati: «Stanchi di lanciare appelli inascoltati»

Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti: «Fortemente preoccupati della condizione infrastrutturale del porto di Genova in particolare delle banchine del porto storico di Sampierdarena»

Tempo di lettura stimato: 2 minuti

I sindacati hanno diramato un comunicato a tutti i lavoratori del porto di Genova a riguardo del cedimento banchina al Terminal Spinelli.

Le organizzazioni sindacali «sono fortemente preoccupate della condizione infrastrutturale del porto di Genova in particolare delle banchine del porto storico di Sampierdarena».

«Quanto accaduto presso il terminal Spinelli questa mattina è sintomo che quanto denunciamo da tempo corrisponde a verità, proprio come le segnalazioni relative al terminal G.M.T. e a Ponte dei Mille, sempre per cedimento di banchine, oppure al terminal Messina dove sono presenti buche grosse come voragini – prosegue la nota -. Ogni terminal conta gravi problematiche con le banchine, infatti solo per un caso fortuito oggi non ci sono stati feriti o danni più gravi. Siamo stanchi di appelli e denunce inascoltati, sporti sia dalle segreterie che dagli r.s.a. aziendali e dagli r.l.s. e r.l.s. di sito, valutati con estrema superficialità dalla A.D.S.P. Mar Ligure Occidentale e dagli organi preposti alla salute e sicurezza. L’autorità di sistema non può essere indifferente a quanto è successo oggi: per il futuro dovrà tener maggiormente presente le nostre istanze sulla sicurezza, a partire dall’ importanza del ruolo degli r.l.s. e degli r.l.s. di sito da noi più volte dichiarata. Siamo pronti ad intraprendere tutte le iniziative utili a tutela della salute ed della sicurezza dei lavoratori del porto».

La nota è firmata da Enrico Ascheri e Marco Pietrasanta – Filt Cgil; Francesco Bottiglieri e Stefano Grasso – Fit Cisl; Duilio Falvo e Gianluca Bugatto – Uiltrasporti Uil

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: