Concorso per 67 agenti di Polizia locale. Dopo l’emergenza Covid tornano le prove fisiche

Candidature entro il 5 luglio. Ecco tutte le informazioni per candidarsi e i requisiti richiesti

Requisiti generali e specifici per l’ammissione

Requisiti generali:

a)  Cittadinanza italiana, secondo quanto disposto dall’art. 2 del D.P.C.M. 174/1994;

b)  Età non inferiore ad anni 18 e non superiore a quella prevista dalle norme vigenti per il collocamento a riposo;

c)  Essere in possesso dei requisiti previsti all’art. 5, comma 2, della legge 7.3.1986, n. 65 per il conferimento della qualifica di Agente di Pubblica Sicurezza e precisamente: godimento dei diritti civili e politici, non avere subito condanna a pena detentiva per delitto non colposo e non essere stato sottoposto a misura di prevenzione, non essere stato espulso dalle Forze Armate o dai Corpi militarmente organizzati o destituito dai pubblici uffici. Si precisa che nel Comune di Genova tutto il personale appartenente al Corpo di Polizia Municipale è dotato di arma d’ordinanza;

d)Idoneità psico-fisica alle mansioni da ricoprire, che sarà accertata dall’Amministrazione all’atto dell’assunzione. L’idoneità psico-fisica è richiesta anche con riferimento ai requisiti di cui al D.M. 28.4.1998 per il porto d’armi, fatto salvo quanto previsto dal punto n) del presente articolo;

e)  Non avere riportato condanne penali, né essere a conoscenza di avere procedimenti penali pendenti in corso che impediscano ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione;

f)  Per gli aspiranti di sesso maschile, nati entro il 31.12.1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi imposti dalla legge sul reclutamento militare;

g)  Non aver esercitato il diritto di obiezione di coscienza, prestando un servizio civile in sostituzione di quello militare. Resta salvo quanto previsto dall’art. 15, comma 7-ter, della legge 8.7.1998, n. 230, per coloro che hanno rinunciato allo status di obiettore di coscienza;

h)  Non essere stati licenziati o destituiti dall’impiego presso una pubblica amministrazione, o dichiarati decaduti nonché dispensati dall’impiego per persistente insufficiente rendimento;

i)  Possesso delle credenziali di autenticazioni al Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID) oppure possesso della Carta di Identità Elettronica (CIE).

Requisiti specifici:

j)  Possesso di diploma di scuola secondaria di secondo grado, conseguito previo superamento di un corso di studi di durata quinquennale.
(Per i cittadini italiani in possesso di un titolo di studio conseguito all’estero, l’assunzione sarà subordinata al rilascio, da parte delle autorità competenti, del provvedimento di equivalenza, del titolo di studio posseduto, al titolo di studio richiesto dal presente avviso di selezione, così come previsto dall’art. 38 del D.Lgs. 30.03.2001, n. 165. In tal caso, il candidato deve espressamente dichiarare, nella propria domanda di partecipazione, pena esclusione, di aver avviato l’iter procedurale, per l’equivalenza del proprio titolo di studio, previsto dalla richiamata normativa);

k)  Possesso della patente di guida di categoria B, senza limitazioni, ad eccezione del codice 01 (obbligo di lenti);

l)  Acutezza visiva uguale o superiore a complessivi 16/10, con almeno 7/10 nell’occhio peggiore. Laddove il requisito richiesto di acutezza visiva sia raggiunto con correzione, deve comunque sussistere un visus naturale uguale o superiore a complessivi 7/10 con almeno 2/10 nell’occhio peggiore;

m)  Normalità del senso cromatico, luminoso e del campo visivo;

n)  Funzione uditiva normale, senza ausilio di protesi, con percezione voce conversazione a non meno di 8 metri, con non meno di 2 metri per l’orecchio peggiore;

o)  Possesso dei requisiti psico-fisici necessari per il porto d’armi riconducibili a quelli richiesti per il porto d’armi per difesa personale (D.M. 28/4/1998, in G.U. n. 143 del 22/6/1998).
In considerazione dell’emergenza sanitaria determinatasi a seguito dell’epidemia da Covid19, fino alla cessazione dello stato di emergenza, la sussistenza del presente requisito, potrà essere verificata anche successivamente all’immissione in servizio, entro comunque il termine del periodo di prova. In questo caso il difetto del requisito in argomento comporterà la risoluzione del rapporto di lavoro. Viene fatta salva la possibilità, da parte dell’interessato, di dimostrare, al momento dell’assunzione, il possesso dei requisiti psico-fisici di cui al D.M. 28/4/1998, esibendo la licenza di porto d’armi per difesa personale in corso di validità.

p)  Possesso delle qualità fisiche indispensabili per svolgere le funzioni specifiche del ruolo di Agente di Polizia Locale (art. 83 bis Regolamento sull’ordinamento degli Uffici e dei Servizi).

I candidati non dovranno, inoltre, trovarsi nelle condizioni di disabilità di cui all’art. 1 della Legge 68/99 e s.m.i. (art. 3 comma 4 Legge 68/99).

L’Amministrazione, in considerazione del numero delle candidature che perverranno, si riserva la facoltà di espletare una preselezione, la cui predisposizione e/o correzione potranno anche essere affidate ad una Società specializzata e gestite con l’ausilio di sistemi di elaborazione elettronica dei dati.

L’eventuale preselezione, che in caso di turno unico non sarà soggetta a sorteggio, consisterà in un questionario a risposta multipla avente ad oggetto le materie indicate come da programma delle prove scritte ed orali e in test di tipo psico-attitudinale (linguistici, matematico-aritmetici, deduttivi). La prova preselettiva potrà anche svolgersi in modalità telematica, secondo le indicazioni che verranno rese pubbliche dalla Civica Amministrazione sul sito internet dell’Ente.

I criteri di valutazione saranno preventivamente stabiliti dalla Commissione Esaminatrice.

Nel caso in cui la prova preselettiva venisse svolta in presenza, saranno severamente vietati, a pena di esclusione, l’accensione e l’uso di cellulari, Smartwatch, Smartphone, Smartband e altri dispositivi mobili, e la consultazione di qualsiasi materiale.

Saranno ammessi a partecipare alla prova di efficienza fisica i 268 candidati che avranno ottenuto il miglior punteggio nell’eventuale preselezione, fatte salve eventuali parità di collocazione all’ultimo posto utile all’uopo.

Il punteggio ottenuto nella prova preselettiva non sarà ritenuto utile ai fini della formazione della graduatoria finale di merito.

Esenzione dalla Preselezione

Ai sensi dell’art. 83 del vigente Regolamento sull’Ordinamento degli Uffici e dei Servizi del Comune di Genova, sono esentati dalla prova preselettiva i candidati che nei due anni precedenti alla data di scadenza del bando di concorso (dal 05 luglio 2019 al 05 luglio 2021) abbiano maturato almeno uno dei seguenti requisiti:

  • –  abbiano prestato almeno 6 mesi di servizio, anche non continuativi (180 giorni), senza demerito, con compiti operativi, nella Polizia di Stato, nell’Arma dei Carabinieri, nella Guardia di Finanza, nel Corpo Forestale dello Stato e nel Corpo di Polizia Penitenziaria;
  • –  siano stati congedati, senza demerito, dalla ferma triennale o quinquennale delle Forze Armate;
  • –  abbiano terminato, senza demerito, la ferma biennale in qualità di ufficiale di complemento dell’Esercito, della Marina e dell’Aeronautica;
  • –  abbiano prestato servizio per almeno 6 mesi, anche non continuativi (180 giorni), presso il Corpo di Polizia Locale del Comune di Genova in qualità di agente di polizia municipale. I candidati in possesso dei requisiti utili ai fini dell’esenzione dalla prova preselettiva di cui al punto precedente dovranno autocertificare il requisito posseduto. I candidati che avranno superato l’ultima prova d’esame dovranno far pervenire, entro il termine perentorio stabilito dall’Amministrazione, i documenti in carta semplice attestanti il possesso del requisito che esonera dalla prova preselettiva già indicato nella domanda, AD ECCEZIONE degli Agenti di Polizia Locale che abbiano prestato servizio per almeno 6 mesi, anche non continuativi, presso il Corpo di Polizia Locale del Comune di Genova in qualità di agenti di polizia municipale per i quali il controllo verrà effettuato d’ufficio. Qualora i candidati che hanno dichiarato il requisito utile ai fini dell’esonero della prova preselettiva non risultassero effettivamente in possesso dello stesso, a seguito della suddetta verifica, si provvederà alla loro immediata esclusione dalla procedura concorsuale. Prova di efficienza fisica La prova di efficienza fisica, effettuata per verificare il possesso da parte dei candidati delle qualità fisiche indispensabili per svolgere le funzioni specifiche del ruolo, consisterà in tre prove atletiche con le seguenti specificità:

Corsa piana di 1.000 metri: per essere giudicato idoneo alla prova il candidato deve eseguire la corsa piana di metri 1.000 nel tempo massimo indicato (uomini tempo max 4’25” – donne 5’25”)

Salto in alto: il candidato deve eseguire il salto in alto all’altezza prevista in tabella con le seguenti modalità:

– ha un minuto per iniziare il salto dal momento in cui viene chiamato;
– ha a disposizione al massimo 3 tentativi per superare l’asticella;
– dopo tre salti consecutivi nulli, la prova si considera non superata;
– i candidati devono saltare con un solo piede per oltrepassare l’asticella, altrimenti il

tentativo è considerato nullo e deve essere ripetuto;
– durante il salto l’asticella può essere toccata: il salto è nullo se quest’ultima cade per

l’eventuale tocco.

Piegamenti sulle braccia:

– la prova deve essere effettuata senza riposo tra una ripetizione e l’altra, fino al momento in cui non si tocca terra con qualsiasi parte del corpo (unico contatto consentito col terreno è con mani e piedi ad eccezione delle donne a cui è ammesso sfiorare leggermente il suolo con il petto);

– la posizione di partenza è prona, con le mani a terra all’altezza delle spalle e le braccia piegate a formare un angolo retto in corrispondenza dei gomiti, piedi uniti o distanziati al massimo della larghezza delle spalle, corpo disteso;

– un piegamento è considerato valido quando dalla posizione di partenza si distendono completamente le braccia e si ripiegano fino a portare le spalle sotto il livello dei gomiti, il corpo rimane sempre disteso, non piegato al bacino, durante l’intero movimento.

Il giorno della prova tutti i candidati dovranno essere muniti di idoneo abbigliamento e dovranno inoltre essere in possesso:

di un documento di riconoscimento in corso di validità;
diuncertificatodiidoneitàsportivanonagonisticacorrelataadattivitàdiatletica

leggera avente data non antecedente al 01.09.2021 a pena di esclusione dalla prova. Il suddetto certificato dovrà essere rilasciato dal medico di medicina generale o dal medico specialista in medicina dello sport ovvero dai medici della Federazione medico-sportiva italiana del comitato olimpico nazionale italiano ai sensi di legge.

Saranno ammessi a partecipare alle successive prove di esame previste dal bando tutti i candidati che avranno superato tutte le prove fisiche.

La Commissione Esaminatrice potrà essere integrata per la prova di efficienza fisica da uno o più esperti (cronometristi e giudici di gara della Federazione Italiana di Atletica Leggera).

Il punteggio ottenuto nella prova preselettiva e l’esito della prova di efficienza fisica non concorrono alla formazione della graduatoria finale di merito.

8

Prove d’esame

Le prove consisteranno in una prova scritta ed una prova orale (eventuale, fino al permanere dello stato di emergenza). Le prove potranno anche svolgersi in modalità telematica da remoto, secondo le indicazioni che verranno rese pubbliche dalla Civica Amministrazione sul sito internet dell’Ente.

Prova scritta

La prova scritta sarà volta ad accertare il possesso delle competenze proprie della professionalità ricercata e sarà costituita da quesiti a risposta multipla con risposte già predefinite sulle seguenti materie:

  • Codice della Strada (D.Lgs. n. 285/1992) e relativo regolamento di esecuzione ed attuazione (D.P.R. n. 495/1992) e le altre norme sulla circolazione stradale;
  • Depenalizzazione e sistema sanzionatorio amministrativo (Legge n. 689/81);
  • Nozioni sul Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza e relativo regolamento d’esecuzione;
  • Nozioni circa la legislazione vigente in materia stupefacenti (nozione di stupefacente e artt. 73,74,75,76,77,78,79,80,81,82,83,84 e 103 del DPR 309/1990) e immigrazione (artt. 4,5,6,7,10,10 bis, 12, 13, 14, 22, 24, 44 del D.Lgs. 286/1998 e artt. 20,21, D.Lgs. 30/2007);
  • Legge quadro sull’ordinamento della Polizia Municipale (Legge n.65/1986) e disciplina della Polizia Locale (Legge Regione Liguria n. 31/2008);
  • Elementi di Diritto Penale, con particolare riferimento alla parte generale del Codice Penale, reati contro la Pubblica Amministrazione, la persona e il patrimonio;
  • Elementi di Procedura Penale (con particolare riferimento all’attività della Polizia Giudiziaria);
  • Ordinamento degli Enti Locali (D.Lgs. 267/2000 s.m.i.), con particolare riferimento al Titolo I, Titolo II, capo I, Titolo III, capo I e Titolo IV, capo I;
  • Normativa in materia di procedimento amministrativo: semplificazione, trasparenza, accesso (Legge 241/1990 s.m.i.; D.P.R. 445/2000; D.Lgs. 33/2013);
  • Normativa in materia di protezione dei dati personali (D.Lgs. 196/2003 e Regolamento UE n. 679/2016 c.d. GDPR);
  • Elementi sul rapporto di lavoro alle dipendenze delle Pubbliche Amministrazioni (D.Lgs. 165/2001 e s.m.i.);
  • Normativa in materia di sicurezza dei lavoratori sul luogo di lavoro (D.Lgs. 81/2008, successivamente modificato dal D.Lgs. 106/2009);
  • Regolamento di Polizia Urbana del Comune di Genova;
  • Codice di comportamento dei dipendenti pubblici. La correzione della prova sarà affidata ad una Società specializzata e gestita con l’ausilio di sistemi di elaborazione elettronica dei dati. Prova orale La prova orale verterà sugli argomenti della prova scritta. Nel corso della eventuale prova orale verrà altresì accertata la conoscenza della lingua inglese e potranno essere valutate le attitudini nonché le competenze concettuali e metodologiche dei candidati rispetto al ruolo da parte di un esperto in psicologia del lavoro. È altresì previsto, in sede di prova orale, l’accertamento della conoscenza dell’uso delle seguenti applicazioni informatiche: pacchetto Microsoft Office (Word, Excel); gestione posta elettronica e internet; capacità di utilizzo sistemi operativi, come Microsoft Windows.

In data 08 luglio 2021 verrà pubblicata sul sito internet dell’Ente una prima comunicazione ai candidati.

Esito delle prove d’esame Saranno ammessi alla prova orale i candidati che avranno riportato un punteggio di almeno 21/30 nella prova scritta.
Saranno dichiarati idonei i candidati che abbiano conseguito una votazione di almeno 21/30 nella prova orale.

I candidati risultati vincitori, che saranno chiamati a stipulare contratti individuali di lavoro, saranno inquadrati nel profilo professionale di Agente di Polizia Locale nella categoria C1.

Qui il link al quale iscriversi e consultare tutte le informazioni

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: