Attentato con l’esplosivo al tutor della strada Guido Rossa

È il secondo atto vandalico che lo strumento per la misurazione della velocità ha subito. Questa volta, però, chi ha agito ha usato addirittura un’esplosione per mettere fuori uso il tutor

[continua sotto]

Sul caso indaga la Polizia Locale intervenuta questa mattina. Gli agenti si sono trovati davanti non un semplice atto di vandalismo, di per sé comunque, gravissimo, ma un vero e proprio attentato eseguito con un ordigno esplosivo e quindi particolarmente grave. Nonostante la nostra città sia tra quelle col maggior tasso di incidenti molto gravi o addirittura mortali (8, dal 1º gennaio, i decessi sulle strade della città per incidente), anche a causa della velocità oltre che della distrazione e della giuda in stato di ebbrezza, c’è chi non vuole che il Comune e la Polizia locale mettano in atto tutte le misure necessarie per rendere le strade più sicure. Ed è disposto anche a prendersi un bel rischio facendo saltare con l’esplosivo il sistema di rilevamento della velocità pretendendo, così, di non rispettare il Codice della strada che tutela la sicurezza di automobilisti e pedoni.
Sulla Sopraelevata, da quando il sistema di misurazione della velocità (di tipo Celeritas) è stato installato si sono praticamente azzerati gli incidenti stradali e sono diminuiti di molto gli incidenti.

[sotto: le foto]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: