Anche a Genova un indagato per minacce e insulti a Mattarella

L’indagine per “offesa all’onore e al prestigio del capo dello Stato” avviata dalla Procura di Roma è relativa ai primi giorni di lockdown. Oggi perquisizioni di Digos e Polizia Postale in tutta Italia

[continua sotto]

A Genova è stata la Digos a perquisire la casa di un albanese residente nella nostra città. Si tratta di un elettricista incensurato che ha 56 anni e risiede a Genova da molto tempo con la famiglia. La Digos gli ha sequestrato cellulare e computer. Non è stato il presidente Mattarella a querelare: il reato, infatti, è perseguibile d’ufficio. Nel mirino una serie di persone. Dieci gli indagati che farebbero capo a organizzazioni novax e antieuropeiste che avrebbero usato i social per fare propaganda e condannare le misure di contenimento della pandemia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: