Fiom: «Al fianco della Culmv per lo sciopero contro i terminalisti»

Per il sindacato dei metalmeccanici «I terminalisti sono perennemente in lite tra loro, ma uniti quando si tratta di spremere maggiori profitti da spartirsi, a discapito della sicurezza sul lavoro, nel segno della precarietà e della frammentazione»

Il direttivo della Fiom di Genova e Tigullio esprime la piena solidarietà alla Culmv e a tutti i lavoratori del porto di Genova che sciopereranno venerdì 5 marzo «contro l’arroganza dei terminalisti genovesi che vogliono mettere in discussione organizzazione del lavoro e diritti dei lavoratori portuali» dice il sindacato dei metalmeccanici.

«Terminalisti perennemente in lite tra loro, ma uniti quando si tratta di spremere maggiori profitti da spartirsi, a discapito della sicurezza sul lavoro, nel segno della precarietà e della frammentazione – prosegue -. La Fiom sarà sempre presente a fianco dei portuali genovesi, sostenendo le mobilitazioni promosse per respingere questi attacchi, a partire dallo sciopero indetto per il prossimo venerdì 5 marzo».

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: