IIS: «Scende l’incidenza del virus tra gli anziani, aumenta nelle scuole»

Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione dell’Istituto superiore di Sanità: «Cominciano a funzionare le vaccinazioni degli anziani. Dell’aumento del contagio in età scolare dovremo prendere atto e agire di conseguenza»

Scende di poco l’età media dei decessi, si abbatte il contagio tra gli anziani, mentre aumenta il contagio, soprattutto a causa di varianti (soprattutto quella brasiliana) in età scolare a partire dagli 11 anni. Lo ga detto nel corso della conferenza stampa settimanale Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione dell’Istituto superiore di Sanità.
L’epidemiologo ha espresso «preoccupazione» per l’evoluzione dell’epidemia, «senza fare allarmismo».
«Dobbiamo fermare assolutamente varianti sudafricana e brasiliana» ha aggiunto.
«Quando si parla di chiusure scolastiche la situazione è sempre dolorosa – ha detto Rezza -. Finché è possibile la didattica in presenza rappresenta una priorità, fino a quando la situazione epidemiologica lo permette. Ma bisogna essere pragmatici. In presenza di focolai e varianti ad alta trasmissibilità nella popolazione scolastica è chiaro che una decisione dolorosa è assolutamente da considerare»

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: