Nuova automedica e onorificenza per la Croce Rossa di Rossiglione

Medaglia di prima classe dalla presidenza della Croce Rossa Italiana per lo straordinario intervento compiuto dalla propria squadra operativa intervenuta durante l’alluvione del 2019 portando in salvo una persona ferita e travolta dalla forza della frana e dai detriti alluvionali

La Croce Rossa di Rossiglione da oggi può contare su una nuova automedica: una Subaru Forester 4×4. La cerimonia di consegna del mezzo, nel rispetto delle norme anti-Covid, si è tenuta questo pomeriggio, a Rossiglione, alla presenza, tra gli altri, del sindaco di Rossiglione Katia Piccardo, del presidente del Comitato della Croce Rossa del comune della Valle Stura, il cavaliere della Repubblica Bruno Pastorino, il vice sindaco di Rossiglione Giorgio Bassano e  l’assessore comunale alla Sanità e servizi sociali, Omar Peruzzo. Alla cerimonia ha partecipato anche Aldo Badano, parroco di Rossiglione. “Ancora una volta – ha detto il sindaco Piccardo – c’è un motivo di orgoglio per il nostro Comitato che arricchisce il parco mezzi grazie a una gestione oculata ed attenta di risorse e donazioni che sono il segno tangibile di quanto prezioso sia il lavoro dei nostri militi, punto di riferimento per tutta la Comunità a cui va la nostra riconoscenza per abnegazione, generosità e professionalità che ogni giorno mettono al servizio della popolazione. La trincea della grave emergenza sanitaria – ha aggiunto il primo cittadino – ha messo in luce, ancora una volta, quanto sia prezioso il loro impegno. Insieme alla Medicina territoriale hanno avuto ed hanno tuttora un ruolo essenziale nell’affrontare la pandemia e nell’assistere i nostri concittadini. Ricordiamo altresì – ha chiuso Piccardo – che è stato aperto il tesseramento alla Cri, quindi ogni Rossiglionese ha la possibilità di aderire e sostenere il Comitato, occasione da non perdere per dimostrare almeno in minima parte la nostra gratitudine. Infine, un grande grazie al presidente Pastorino e a ciascuno di loro.” “Era nei nostri obbiettivi quello di sostituire un mezzo ormai datato. La nuova automedica – ha spiegato Pastorino – va ad arricchire il nostro parco auto ed è con grande soddisfazione che oggi abbiamo proceduto alla benedizione del mezzo seppur con le limitazioni che il periodo ci impone. Spiace – ha aggiunto – non aver potuto organizzare una seppur piccola manifestazione ma ci sarà modo in futuro di farla. Ringrazio tutti i volontari Cri e tutta la popolazione di Rossiglione che non ci fa mai mancare il sostegno e la riconoscenza per i sacrifici che giornalmente facciamo”.
“Questa automedica che andrà a rinnovare il parco macchine – ha chiuso l’assessore Peruzzo – dimostra ancora una volta la grande operosità del comitato locale della Cri che grazie al lavoro costante dei volontari continua a essere un punto di riferimento non solo sanitario, ma anche sociale per la comunità rossiglionese, soprattutto in questo periodo di estrema difficoltà”. Durante la cerimonia, la Cri di Rossiglione ha ricevuto una benemerenza con medaglia di prima classe dalla presidenza della Croce Rossa Italiana per lo straordinario intervento compiuto dalla propria squadra operativa intervenuta in via Airenta durante l’alluvione del 2019 che ha colpito Rossiglione e l’intera Valle Stura. In quell’occasione, la Cri di Rossiglione ha tratto in salvo una persona ferita e travolta dalla forza della frana e dai detriti alluvionali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: