Ubriaco alla guida, prende a testate l’agente che gli sequestra il furgone. Arrestato

Un ambulante di 49 anni è stato fermato in largo Jursè, a Sampierdarena, in evidente stato di ebbrezza dalla Polizia locale del reparto Sicurezza urbana. Quando all’uomo, com precedenti per resistenza a pubblico ufficiale e un decreto di allontanamento dalla moglie e dai figli, è stato detto che il furgone sarebbe stato ritirato (rischiava di causare incidenti e metteva in pericolo se stesso e gli altri), ha aggredito gli agenti

Sabato sera una pattuglia del reparto Sicurezza Urbana ha fermato il largo Jursè, a Sampierdarena, un 49enne che stava guidando senza la cintura di sicurezza. L’uomo, che era a bordo di un furgone intestato ad un’altra persona, sceso dal veicolo ha pronunciato frasi sconnesse, inoltre faticava a reggersi in piedi e presentava alito vinoso e sguardo assente. Per questo gli agenti gli hanno chiesto più volte se acconsentisse a sottoporsi al pretest dell’alcol, ma lui si è rivolto a loro con frasi ingiuriose,  pretendendo di essere solo sanzionato per il mancato uso delle cinture di sicurezza nonostante guidasse in condizioni da causare grave pericolo a se stesso e alla sicurezza stradale. Pretendeva, in sostanza, che lo lasciassero andare perché il furgone gli serve per lavorare, ma viste le sue condizioni era un miracolo che non avesse già causato incidenti con possibili conseguenze anche gravi per se stesso e per gli altri.
Per questo, la pattuglia gli ha chiesto se qualcuno di sua fiducia potesse ritirare il mezzo che stava conducendo, visto che lui non era in condizioni di guidarlo. Nel momento in cui gli è stato comunicato il sequestro, per tutta risposta ha cominciato a dare in escandescenze e ha dato una testata a uno degli operatori di Polizia locale. A fatica, gli agenti sono riusciti a portarlo presso la sede di piazza Ortiz del reparto Giudiziaria per l’identificazione nel gabinetto fotodattiloscopico. Da questa emergevano precedenti per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale oltre a un divieto di avvicinamento alla ex moglie e ai figli. Viste le sue condizioni di agitazione, non è stato possibile lasciarlo presso il proprio domicilio ed è stato condotto nelle camere di sicurezza della Questura a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. È stato arrestato per minacce, violenza e resistenza a pubblico ufficiale e denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale oltre che per il rifiuto di sottoporsi all’accertamento qualitativo delle della concentrazione di alcol nel sangue sia con il pretest sia con prelievo ed esame ospedaliero. Gli è stata anche ritirata la patente.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: