Tamponi, positivi e contatti aspettano in isolamento volontario da giorni

Un turista palermitano è risultato positivo a un test privato, ma non è ancora riuscito a ottenere quello del servizio sanitario. Un gruppo di più di 10 ragazzi del centro storico, contatti di caso accertato: sono in isolamento volontario da sabato sera, hanno contattato i medici di famiglia, ma nessuno li ha richiamati per il tampone

Un palermitano, in visita ad alcuni amici a Genova, alle prime linee di febbre si è chiuso in casa cercando di farsi fare, racconta, il tampone dalla Asl. Non ha ottenuto nulla e quindi si è rivolto a un laboratorio privato a domicilio ed è risultato positivo. Ora dovrebbe fare il tampone presso il servizio pubblicò per ufficializzare la cosa, ma, spiega, al numero della Asl <nessuno è in grado di darmi risposta> e, aggiunge, non sa se il laboratorio ha trasmesso i dati alla Asl. Le difficoltà si moltiplicano proprio perché è fuori dalla sua città.

C’è poi il caso di 10 persone del centro storico che si sono messe in autoisolamento perché contatti di caso. Ci racconta una di loro: <Io abito, e lavoro, nel centro storico, quindi ci siamo – dice il ragazzo, che chiede e ha diritto all’anonimato, visto che si tratta di un problema medico, a nome di tutti -. La situazione è alquanto semplice e al contempo sconfortante. Sabato scorso, 19 settembre, ad uno dei componenti della mia compagnia di amici viene rilevata la positività al Covid-19. Dal momento stesso in cui ciò avviene, tutta la compagnia è rientrata il più velocemente possibile in casa propria, e da sabato sera nessuno di noi è più uscito. Abbiamo preso questa decisione per responsabilità, siamo una compagnia molto legata, con frequentazioni quotidiane grazie anche al fatto che molti di noi abitano nel giro di 50 metri. A partire dalla domenica ognuno di noi ha contattato il suo medico di famiglia e fatto partire la pratica di segnalazione a seguito di contatto diretto con persona positiva e sintomatica. La prassi è l’autoisolamento preventivo nell’attesa del tampone da parte dell’Asl. Sono passati 6 giorni e nessuno di noi, più di 10 persone, è stato contattato. Tutti noi abbiamo fatto innumerevoli tentativi di parlare con qualche operatore, ma i numeri telefonici ASL sono irraggiungibili o inutili. Se qualcuno di noi fosse positivo, a questo punto il tracciamento sarebbe inutile ed impossibile>.

Aggiornamento: la Asl sta verificando le segnalazioni.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: