La triste storia di Bambi nel Bisagno, salvato e poi soppresso

L’animale, avvistato dalla Polizia locale, era ferito e aveva le zampe fratturate. Recuperato dai Vigili del fuoco sotto la supervisione delle Guardie Faunistiche regionali, è stato visitato e poi abbattuto: per il veterinario non c’era modo di curarlo

Aveva le due zampe anteriori rotte il povero animale. Una delle due fratture, tra l’altro, era esposta. Inoltre aveva una profonda ferita al petto, forse conseguenza di una caduta. Eppure il grosso daino maschio continuava a camminare avanti e indietro nel letto del Bisagno all’altezza di Struppa. Si è reso necessario sedarlo per poterlo avvicinare senza che si facesse male a scappare. Quando, però, è stato visitato dal veterinario, questo ha spiegato che non c’era modo di poterlo salvare. Il cervide è stato, così, soppresso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: