Carmine, cacciati attivisti Lega: «Sgomberati in pieno stile mafioso»

Carratù: <I nostri militanti costretti ad allontanarsi in fretta e furia tra gli insulti. Ci hanno detto che la piazza di don Gallo non poteva ospitarci>

 <Abbiamo dovuto sgomberare il nostro banchetto in fretta e furia, sotto la minaccia di un gruppo di sedicenti democratici che tra gli insulti hanno intimato ai nostri militanti di andarsene perché, a loro dire, la piazza della storica parrocchia di Don Andrea Gallo non poteva ospitarci>. Lo dichiara il presidente del Municipio Centro Est del Comune di Genova, il leghista Andrea Carratù, denunciando l’episodio avvenuto questa mattina nel quartiere del Carmine.
<Come presidente del Municipio – spiega Carratù – sono ogni giorno tra i cittadini del centro storico, ma un episodio del genere non mi era mai capitato. Mi rendo conto che siamo in campagna elettorale e che i toni siano accesi, ma Genova e il suo centro storico non meritano di essere ostaggio di violenti, che si comportano come veri mafiosi: sbandierano slogan di “pace e bene”, ma non sanno neppure dove stanno di casa questi valori>.

2 thoughts on “Carmine, cacciati attivisti Lega: «Sgomberati in pieno stile mafioso»

  1. Peccato che segnaliamo da tempo che siamo ostaggi di violenti e mafiosi veri e a questo municipio non gliene è mai fragato niente. Ieri in pieno giorno è pure stato rapinato un carabiniere in borghese in fissatelo. Ma di cosa state parlando quando dite che il NOSTRO centro storico non merita questo? Ma non vi vergognate a presentarvi a fare campagna in un territorio che avete lasciato abbandonato e regalato alla
    Criminalità?

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: