Truffe agli anziani sventate per un soffio. È “allarme estivo”

Con l’estate (e le famiglie in vacanza) riprendono i tentativi dei malintenzionati di raggirare le persone che pensano più deboli: un delitto odioso. Ieri due denunce ai carabinieri

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Genova Quarto hanno raccolto la denuncia di una genovese classe 1929 rimasta vittima di un tentativo di truffa. L’anziana, nel pomeriggio del 30 luglio, ha ricevuto la telefonata di un uomo presentatosi falsamente come suo nipote, il quale la invitava a consegnargli il prima possibile tutti i gioielli ed il denaro contante custoditi presso l’abitazione, dovendo risarcire la vittima di un incidente stradale causato dalla figlia della signora. La donna ottemperava alla richiesta e metteva a disposizione vari monili per un peso complessivo di circa mezzo chilo in oro. L’evento delittuoso non andava a buon fine grazie all’intervento della figlia della vittima che nel telefonare alla madre scopriva il raggiro invitandola a non consegnare nulla a nessuno. Indagini in corso.

Carabinieri della Stazione di Campomorone stanno conducendo le indagini su un tentativo di truffa in danno di un’anziana del posto. La donna, nel pomeriggio di ieri, ha ricevuto la telefonata di un uomo che la informava dell’incidente occorso al figlio della signora e del fatto che fosse necessario reperire una cospicua somma in denaro per evitare ripercussioni legali. Spaventata, la vittima riusciva a contattare il figlio per sincerarsi delle sue condizioni, scoprendo in questo modo il raggiro. In seguito, mantenendosi in contatto con i Carabinieri della Centrale Operativa di Genova, che l’hanno tranquillizzata, la vittima è stata invitata a non aprire la porta a nessuno ed a segnalare movimenti o ulteriori telefonate sospette. Fortunatamente, l’intervento si è concluso senza che il raggiro venisse portato a termine.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: