Ordinanza mascherine, obbligatorie all’aperto se a meno di due metri

Ecco il testo della nuova ordinanza comunale in vigore dalle 15

Ecco le prescrizioni imposte dal provvedimento del Sindaco. Marco Bucci ha preferito la linea della prudenza non togliendo l’obbligo all’aperto in ogni caso, ma solo dove di può rimanere a più di 2 metri dalle altre persone.

A Genova si potrà circolare all’aperto senza mascherina, a patto di mantenere dagli altri una distanza di almeno 2 metri. E bisognerà averla sempre con sé.

Lo stabilisce la nuova ordinanza del sindaco Marco Bucci, in relazione alle misure di sicurezza per il contrasto all’emergenza Covid-19.

I dispositivi di protezione individuale si dovranno indossare all’aperto solo quando non sarà possibile garantire il mantenimento della distanza di sicurezza di almeno 2 metri da persone non conviventi.

L’utilizzo delle mascherine rimane obbligatorio sui mezzi di trasporto pubblici e nei luoghi al chiuso accessibili al pubblico come attività commerciali, pubblici esercizi e uffici pubblici.

Inoltre, l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale rimane fortemente raccomandato nelle aree al di fuori della proprietà privata.

Rimangono esclusi i bambini al di sotto dei 6 anni e i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina, oltre a chi interagisce con loro.

Possono essere utilizzate a tal fine mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multi-strato idonei a fornire un’adeguata barriera e che, al tempo stesso, garantiscano comfort e respirabilità, oltre a una forma e a un’aderenza tali da permettere di coprire dal mento al di sopra del naso.

L’utilizzo delle mascherine di comunità si aggiunge alle altre misure di protezione finalizzate alla riduzione del contagio (come il distanziamento fisico e l’igiene costante e accurata delle mani) che restano invariate e prioritarie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: