Domani a Sestri il corteo antimilitarista “Disarmiamo Leonardo”

Domani, con partenza alle 15:30 da piazza Baracca a Sestri Ponente, il corteo “Disarmiamo Leonardo”, organizzato dall'”Assemblea contro la Guerra” che si ispira al blocco nel porto di Genova da parte di un gruppo di portualidelle navi della flotta Bahri che trasportavano dispositivi militari in Arabia Saudita per la guerra in Yemen.

<La guerra è sempre più considerata una tragedia che non ci riguarda e lontana dalle nostre vite – dicono gli organizzatori -. Libia, Yemen, Siria, Afghanistan, Iraq sono lì a dimostrare il contrario, con anni di conflitti disastrosi innescati per i profitti dei capitalisti americani, europei e di casa nostra. Le cause e gli effetti della guerra sono sempre le stesse: colonizzazione, furto delle risorse, milioni di profughi in fuga, creazione di manodopera a basso costo, incremento dell’industria bellica. Leonardo (ex Finmeccanica) produce e vende missili, siluri, droni, aerei ed elicotteri da combattimento, tecnologie per il controllo dei confini e delle rotte migratorie. Sono di Leonardo le armi con cui l’esercito saudita spara in Yemen, gli elicotteri e gli aerei con cui l’esercito turco bombarda il Rojava. Ecco cosa produce questa “eccellenza nazionale”. Chi vive di guerra non può farne a meno. Come ci insegna la lotta dei portuali contro i traffici di armi nel porto e la compagnia saudita Bahri, gli ingranaggi della guerra si possono inceppare. Come ci indica la migliore tradizione del movimento operaio, il nemico è in casa nostra>.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: