Annunci
Ultime notizie di cronaca

Artisti di strada genovesi contro app Artecity e Federazione Fnas che tratta con Tursi

Disponibili a dialogare col Comune, ma non con la Federazione Nazionale che, dicono, non li rappresenta. Tanto che non li ha nemmeno consultati prima di concordare l’introduzione della app con Tursi. Se l’amministrazione pensava di avere al tavolo i busker genovesi, così, invece, non è. Per gli Artisti genovesi la app presenterebbe parecchi malfunzionamenti che sono disposti a esporre all’assessorato

L’appello viene lanciato dalla pagina Facebook “Artisti di strada Genova“: <Siamo venuti a conoscenza di un tavolo di lavoro organizzato dal Comune di Genova in collaborazione con la Fnas per inserire l’app “Arthecity” in città, nelle zone maggiormente frequentate dagli artisti. Affermiamo con grande rammarico di non aver ricevuto una comunicazione ufficiale dalla Fnas, che in quanto Federazione Nazionale Artisti di Strada, dovrebbe avere come primo obiettivo quello di tutelare proprio noi artisti. Ma il problema supera di molto quanto appena detto. Nell’articolo diffuso dalla stessa Fnas, infatti, leggiamo: “Il progetto Arthecity, già attivo in numerose città italiane e già approvato anche a Genova, viene finalmente attivato in modo concreto nella splendida città ligure”. Quando sarebbe stato approvato? Visto che nello stesso regolamento dell’arte di strada approvato da Comune e Comunità di artisti, è scritto a chiare lettere che qualsiasi
novità o modifica al regolamento – e l’app ne rappresenta un’evidente fattispecie -, deve essere convalidata solo dopo aver coinvolto gli artisti?>.

Perché gli artisti di strada genovesi non vogliono la app della Fnas (Federazione Nazionale degli Artisti di Strada), un sistema per regolamentare le esibizioni degli artisti di strada usata già in diversi comuni italiani. <È tristemente nota per i suoi malfunzionamenti e per le problematiche che ha creato tra artisti – dicono gli Artisti genovesi -. Già una volta, due anni fa, abbiamo cortesemente rifiutato il loro intervento a Genova. Avevamo ormai abbastanza conoscenza dei fallimenti – non solo tecnici – ma ci siamo limitati ad un “no” molto civile. Nonostante ciò,nei mesi successivi, certi articoli hanno creato confusione sul nostro rifiuto. Diversi artisti “foresti” sono arrivati a Genova chiedendo come si faceva per l’app, convinti che Genova fosse caduta sotto la regolamentazione di Arthecity. Pure alcuni artisti locali hanno avuto dei dubbi. Abbiamo continuato a chiarire la situazione, ovviamente con non abbastanza forza. Oggi, l’amara sorpresa: la Fnas, senza assolutamente informare né consultare gli artisti genovesi, avvia una trattativa col Comune di Genova, almeno secondo quanto sta scritto sulla pagina della federazione. La Fnas, quella che secondo il suo nome dovrebbe “rappresentarci”, passa sopra la volontà degli artisti genovesi>

<Vista la grandissima mancanza di rispetto nei nostri confronti,
e dopo aver sentito l’opinione dei nostri artisti – dicono gli Artisti genovesi -, possiamo solo dire che: ovviamente siamo aperti a dialogare col Comune per risolvere qualsiasi problematica ci sia da risolvere, ma…; Fnas, nel suo ruolo di “difensore degli artisti” avrebbe dovuto consultarci prima di invitarci ad un incontro già fissato con il Comune. Rifiutiamo assolutamente di trattare con chi ci vuole passare sopra, dopo il nostro primo rifiuto, quando l’unica cosa giusta da fare sarebbe stata quella di informare prima gli interessati. Sopratutto prima di proporre un’app con le problematiche già descritte: malfunzionamenti, prenotazioni eccessive da parte di pochi che poi lasciano i posti vuoti ma non disponibili ad altri, prenotazioni spesso perse causa condizioni meteo avverse e altri imprevisti frequenti, come eventi pubblici, privati. Abbiamo schermate di tutti i disagi degli artisti costretti ad usarla in altri comuni. Quindi, per evitare ulteriori incomprensioni nel futuro, teniamo ad informare che Fnas non rappresenta in assoluto gli Artisti di Strada a Genova, e che la nostra ultima parola riguardo Arthecity è un unico e definitivo “no”>.

Annunci

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: