Annunci
Ultime notizie di cronaca

È genovese “Il gay più bello d’Italia”: Mattia Martone la spunta al concorso nazionale

È da tempo che le concorrenti liguri non strappano il titolo di Miss Italia. Il gradino più alto del podio del concorso di bellezza gay più famoso, invece, è stato conquistato da un 34enne nato proprio nella nostra città. Per ottenere fascia e corona non basta la bellezza, ma serve anche la rappresentatività rispetto agli ideali del mondo LGBT

Incoronato il 23 agosto scorso nella storica discoteca LGBT “Mamamia” di Torre del Lago due giorni fa, Mattia Martone, 34 anni, nato a Genova ma residente a Roma, di professione bartender, ha conquistato il titolo 2019 di “Gay più bello d’Italia”, il concorso di bellezza gay che conferisce il titolo più ambito del Paese.

Occhi verdi, muscoli scolpiti, single, tatuato, segno zodiacale Toro (non sappiamo perché, ma tutti i concorsi di bellezza l’appartenenza zodiacale è da sempre ben sottolineata, così lo scriviamo anche noi), lavora presso una ditta alimentare. I suoi hobby sono la palestra, viaggiare e mangiare. Si definisce altruista, testardo, ottimista e riflessivo. Il titolo del concorso viene attribuito dalla giuria al ragazzo non solo giudicato più bello ma anche <che meglio rappresenta il popolo gay a livello nazionale>.
La serata, che ha visto la partecipazione della nota drag queen “La Wanda Gastrica”.

La manifestazione, nata nel 1997 ma che dal 2014 ha cambiato nome (da Mister Gay Italia a Il Gay Più Bello d’Italia) per problemi di copyright, è un’iniziativa a carattere nazionale volta ad eleggere il ragazzo italiano gay che, oltre ad avere indubbie qualità estetiche, è più rappresentativo del mondo omosessuale in termini di visibilità e impegno sociale. Attraverso il concorso nazionale, le selezioni sul territorio e attraverso il web, Mister Gay Italia si prefigge l’obiettivo di aumentare la visibilità dei gay italiani e così contribuire al cammino per la pari dignità ed i pieni diritti delle persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali) in Italia. Per questo, oltre alla bellezza, i criteri di selezione del vincitore comprenderanno la sua rappresentatività rispetto al mondo omosessuale e un coming out compiuto, che sia di esempio per gli altri. Nel regolamento, fra i requisiti, è presente anche l'”essersi dichiarato omosessuale ed esserne orgoglioso”.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: