Annunci
Ultime notizie di cronaca

Maturità 2019: Ungaretti, Sciascia e l’eredità del Novecento

Prima prova dell’esame di Maturità, stamattina, nelle scuole italiane. Secondo le prime informazioni le tracce vedono protagonisti Giuseppe Ungaretti, Leonardo Sciascia e l’eredità del Novecento. Una delle tracce riguarda Gino Bartali, “Giusto tra le Nazioni”, e un’altra il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, martire dello Stato, ucciso dalla mafia.
Sono 5.686 i maturandi genovesi.

Al centro della tratta dedicata a Ungaretti la poesia “Il Porto Sepolto”

Vi arriva il poeta
e poi torna alla luce con i suoi canti
e li disperde
Di questa poesia
mi resta
quel nulla
d’inesauribile segreto

Questa breve poesia porta il titolo della prima e omonima raccolta di Ungaretti, pubblicata a Udine nel 1916. La poesia, assieme alle altre del Porto sepolto, confluirà poi nella Allegria di naufragi del 1919 e poi nelle successive edizioni della raccolta, diventando una dele più note della poesia ungarettiana. Il titolo del componimento è fondamentale per comprendere il senso della poetica ungarettiana: il porto è infatti simbolo del viaggio introspettivo del poeta alla ricerca del mistero dell’essere umano.

Il tema relativo a Leonardo Sciascia è incentrato sull’opera “Il giorno della civetta”, romanzo terminato nel 1960 e pubblicato per la prima volta nel 1961 dalla casa editrice Einaudi. Il racconto trae lo spunto dall’omicidio di Accursio Miraglia, un sindacalista comunista, avvenuto a Sciacca nel gennaio del 1947 ad opera della mafia di Cosa Nostra. Sciascia aveva già iniziato a scrivere di mafia nel 1957 recensendo il libro di Renato Candida, comandante dei carabinieri ad Agrigento, al quale si è ispirato per tratteggiare il personaggio del Capitano Bellodi, protagonista del romanzo.
La prima edizione venne anticipata sulla Rivista “Mondo Nuovo” del 9 ottobre 1960 e la prima edizione comparve con una “Nota” che dichiarava la verità sottintesa alla finzione del romanzo scritta in una libertà non piena ma significativa nei confronti di una letteratura che fino a quel momento aveva fornito della mafia una rappresentazione apologetica e di una società che, negli organi politici e d’informazione, ne negava addirittura l’esistenza.
Questo concetto sarà ribadito nell'”Avvertenza” dell’edizione scolastica del 1972.
Dal romanzo è tratto il film omonimo per la regia di Damiano Damiani.

Una delle tracce è dedicata a “Eredità” di Corrado Stajano, giornalista e scrittore. Il testo apre uno spaccato sulla storia del Novecento italiano, partendo dal 1939, periodo in cui nel nostro paese vigeva il regime fascista.

Annunci

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: