Lungomare Canepa, il monitoraggio del Comitato: “È la zona più inquinata della città”

Rilevazioni con Rinascimento Genova. La presidente Giardella: <Le abbiamo richieste alle istituzioni ma per ora ci sono state negate. È evidente che servono provvedimenti immediati>

 Lungomare Canepa, per i cittadini del locale comitato sono critiche le rilevazioni effettuate dalla rete di monitoraggio privata ed esposti oggi nel corso della conferenza stampa organizzata con Rinascimento Genova presso il Club dei Carbonai. <I dati esposti sono allarmanti, Lungomare Canepa è il punto più critico di Genova, sotto il profilo ambientale, come risulta dal confronto con le centraline di ARPAL. Anche comparando con le 80 centraline di Rinascimento Genova presenti sul territorio nazionale i dati di Lungomare Canepa sono i peggiori ( valori massimi registrati. PM2.5: 56; PM10: 73). Chiunque può verificare in tempo reale e statistici sul sito www.cheariatira.it.>


<Le centraline furono chieste dal nostro comitato ripetutamente, a giugno e a settembre 2018. Analoga iniziativa fu intrapresa politicamente negli stessi periodi tramite interrogazioni ed interpellanze comunali e regionali – dice Silvia Giardella, presidente del comitato -. Al momento però il monitoraggio di Sampierdarena lo stanno effettuando  i cittadini a loro spese. Oggi Federico Valerio ha presentato le tre centraline installate a Genova, due in zona Ponte Morandi e l’altra in Lungomare Canepa, sottolineando come i valori di Via Ristori appaiano più bassi, nonostante si sia in prossimità autostradale, questo grazie alla presenza di adeguata copertura fonoassorbente, tale da abbattere non solo il rumore ma anche l’inquinamento atmosferico. Attendiamo che, dopo un anno di attesa e prima di ammalarci, le Istituzioni installino le centraline per vedere smentiti o confermati i valori che abbiamo presentato e prendano opportuni provvedimenti atti a tutelare la salute della popolazione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: